Una finestra sul mare, dove il lusso è di casa

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Incastonata nella ripida e suggestiva costiera del carso triestino, la baia di Sistiana una nuova villa sorge nell’oasi paesaggistica delle falesie di Duino, affacciandosi sul mare meraviglioso dell’alto Adriatico.

A partire dagli anni’ 70, la baia è stata al centro di un ampio progetto di valorizzazione turistica che ha preso forma solo recentemente ed ha coinvolto anche Portopiccolo, un prestigioso borgo di mare che coniuga bellezza paesaggistica, eco-sostenibilità, comfort, lusso e design. Collocato su un’area di 35 ettari, Portopiccolo è un comprensorio residenziale e commerciale, risultato di un progetto di riqualificazione paesaggistica e progettazione del verde all’avanguardia, a ridotto impatto ambientale ed emissioni; ricavato da un’ex cava di materiale calcareo, il complesso estremamente fruibile e di alto pregio, ha previsto largo utilizzo di energie rinnovabili; giardini pensili, tetti verdi e parcheggi interrati hanno consentito di ridurre anche l’impatto visivo con elevata integrazione nel contesto naturale.

Meritano un’attenzione speciale le residenze costruite nelle Falesie a picco sul mare, che dominano Portopiccolo. Rivestite con pietra aurisina, la tipica pietra locale, le abitazioni, dotate di finiture di alto pregio, si caratterizzano per un‘architettura moderna e minimale, inserita con naturalità nel paesaggio; le larghe terrazze presenti consentono un dialogo diretto interno/esterno.

In questo contesto si colloca una delle abitazioni più ampie del complesso, estesa su circa 370 mq,  in cui  tra i materiali ad alta innovazione utilizzati, è stato scelto anche Ideal Work Microtopping.  Microtopping è un rivestimento polimerico-cementizio, applicabile in orizzontale ed in verticale che consente di ottenere, in soli 3 millimetri di spessore, superfici continue indicate per spazi moderni e minimali.

 “La scelta è stata inizialmente di carattere funzionale – ci racconta  Cristiana Sgnaolin, architetto, che ha seguito i lavori – perché mi sarebbe piaciuto realizzare una panca monoblocco di calcestruzzo ma per tutte le costruzioni del Portopiccolo è stato imposto dall’impresa l’uso del solo cartongesso; di conseguenza ho dovuto trovare una soluzione alternativa.

Lunga  ben sei metri e larga 50 cm, la panca è stata progettata e disegnata su misura con accuratezza sartoriale e, date le dimensioni rilevanti, è stata realizzata non in laboratorio, ma direttamente in cantiere, in una settimana; costruita in legno vuoto, quindi estremamente leggera, con un  design essenziale e ricercato al contempo. 

La panca è stata collocata in prossimità della lunga vetrata del soggiorno, dalla quale si può godere di una bellissima vista sul porto turistico e sul mare triestino. La panca fa da elemento centrale nel living, connotando con personalità  l’ambiente minimale ma sofisticato, in cui trovano posto un pavimento in legno rovere sbiancato, complementi d’arredo di design e mobili moderni. I toni del bianco, della pietra, del mare e dell’acciaio grezzo vengono perfettamente armonizzati con la luce naturale proveniente dall’ampia vetrata grazie al tocco di grigio materico. Oltre la vetrata appare la piscina realizzata in mosaico color giallo ocra,  in linea  con i vincoli paesaggistici che imponevano per gli esterni  l’uso di materiali visivamente compatibili con la pietra locale.

Il mio tratto distintivo – continua l’arch Sgnaolin – è quello di creare una casa non basata sul mio gusto, ma  a misura del cliente; amo conoscere  e calarmi nel suo gusto realizzando spazi ad hoc  che rispecchino esigenze estetiche e personalità del committente. Ho voluto creare un ambiente minimale, ma ricercato che superasse l’essenzialità connotante un certo stile moderno; per questo ho interpretato lo spazio in modo personale, giocando  molto sull’illuminazione e  sui colori;  ho preferito utilizzare tonalità neutre, del bianco in particolare che in contrasto cromatico con i blu ed i turchese evoca la freschezza del mare”.

Massima espressione della ricercatezza  e della customizzazione della progettazione, sono in particolare  gli  8 bagni tutti differenti tra loro attigui alle 8 camere da letto: ogni spazio è stato creato con arredi che si fondono nell’ambiente riprendendo la stessa finitura delle pareti in gres porcellanato diverso in ogni bagno.

Articoli correlati
Paulo Mendes da Rocha, tecnica e immaginazione
Si inaugura oggi presso La Triennale di Milano la mostra dedicata a Paulo Mendes da Rocha, a cura di...
PROGETTARE IN ITALIA
Si terrà il prossimo 21 Novembre 2014 a Venezia nella splendida cornice di Palazzo Ducale, Sala del ...
Manuale di ristrutturazione dei manufatti in pietra
L’Associazione Ecomuseale della Valle d’Itria, in accordo con l’Osservatorio del paesaggio della Reg...
Padiglione Caritas per Expo 2015. Dividere per moltiplicare
Piuarch progetta il padiglione Caritas per Expo 2015, dando dimensione fisica al tema della division...
Dorsoduro Museum Mile
Gallerie dell’Accademia, Galleria di Palazzo Cini, Collezione Peggy Guggenheim e Punta della Dogana ...
Padova 2015 architettura: mercoledì 23 settembre conferenza a Palazzo del Bo con gli architetti Paol...
Il 9 ottobre lectio magistralis dell’architetto Franco Purini, uno dei principali esponenti del neor...
Torna a Expo Real la collettiva italiana ‘Invest in Italy’
In mostra a Monaco le più interessanti opportunità immobiliari pubbliche e private del nostro Paese....
IL MONDO DEL LEGNO SI PREPARA AD AFFRONTARE CON OTTIMISMO LA SFIDA DEI NUOVI MERCATI"
Oltre 200 imprenditori a Desenzano per discutere di scenari globali. Orsini: «Il successo del conveg...
Leggerezza visuale dell'architettura
La trasformazione di un edificio residenziale e commerciale degli anni ’70, situato nella piazza cen...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.