IL MONDO DEL LEGNO SI PREPARA AD AFFRONTARE CON OTTIMISMO LA SFIDA DEI NUOVI MERCATI”

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Oltre 200 imprenditori a Desenzano per discutere di scenari globali. Orsini: «Il successo del convegno è la dimostrazione che il nostro settore è vivo ed è pronto a giocare un ruolo da protagonista nel panorama economico internazionale».

«Il mercato globale del legno e dei pannelli sta vivendo una fase di grande fluidità. Fra la fluttuazione delle valute e del prezzo dell’energia e le crisi economiche e geopolitiche, i flussi dell’interscambio internazionale si modificano ogni giorno. Diventa quindi sempre più complesso capire in che direzione sta andando il mercato del legno e del pannello». La risposta su quale direzione prendere è venuta dal Convegno Nazionale del Legno di Desenzano che, dopo i saluti del presidente FederlegnoArredo Roberto Snaidero, è entrato subito nel vivo con l’intervento dell’analista Pierre Marie Desclos che ha posto immediatamente l’accento sulle potenzialità del mercato cinese.

«La Cina, con una crescita annua del PIL di “solo” il 7%, rimane un mercato importante per le aziende del legno, e sta vivendo una fase di profondo cambiamento», ha spiegato Desclos. Ridotto drasticamente il commercio dei tronchi da parte dei principali fornitori che oramai puntano a creare valore aggiunto internamente, la Cina ha iniziato a importare segati «anche dall’Europa con quantitativi ancora modesti, ma in prospettiva molto interessanti». Segnali importanti, ha aggiunto Desclos, soprattutto tenendo conto che: «Il commercio internazionale di prodotti forestali ha conosciuto una spettacolare crescita negli ultimi cinquanta anni e che, a medio termine, questo trend continuerà, probabilmente con dei tassi di crescita annuali ridotti».

Poche ma fondamentali per Desclos le chiavi di sopravvivenza in un mondo in costante evoluzione: veglia strategica (commerciale e tecnologica), flessibilità, grande cura della logistica, ricerca e formazione professionale e, soprattutto, fiducia nel materiale legno, polivalente, moderno, rinnovabile.

L’intervento successivo è stato di Christoph Kulterer, presidente ProHolz Austria e vicepresidente dell’Organizzazione Europea delle Segherie, il quale ha affrontato lo storico rapporto tra l’Austria e il nostro Paese con un intervento dal titolo “Italia-Austria: il 6° flusso mondiale dei segati”. Un rapporto storico quello fra i due Paesi, ma anch’esso in trasformazione: «Negli anni in cui è calato il mercato italiano ci siamo rivolti a nuovi acquirenti che ci stanno dando grandi soddisfazioni. Ecco perché i prezzi dei segati rimangono stabili nonostante il calo delle quotazioni dei tronchi». Nel suo intervento Kulterer ha poi ricordato alla platea che la disponibilità dei tronchi in Europa è ancora limitata, salvo considerare la possibilità di possibili catastrofi naturali che porterebbero a un incremento della produzione di materia prima.

L’incontro è proseguito con Marco Imperadori, professore di Progettazione e Innovazione Tecnologica al Politecnico di Milano, con una relazione incentrata su “Il ruolo del legno nella costruzione di Expo 2015: prima, durante e dopo” per poi terminare con la tavola rotonda “Il futuro del legno è oggi”, moderata da Sebastiano Cerullo (vicedirettore di FederlegnoArredo) con protagonisti Roberto Snaidero (presidente FederlegnoArredo), Emanuele Orsini (presidente Assolegno), Ettore Durbiano (presidente Assoimballaggi), Paolo Fantoni (presidente Assopannelli), Domenico Corà (presidente Fedecomlegno), Massimo Buccilli (presidente Edilegnoarredo), Fausto Iaccheri (presidente Conlegno), Nicola Semeraro (presidente Rilegno).

«Il successo del Convegno Nazionale del Legno è la dimostrazione che il nostro settore è vivo e vuole giocare un ruolo da protagonista non solo nel panorama economico nazionale», ha spiegato Emanuele Orsini (presidente Assolegno). Parole a cui si è allacciato Roberto Snaidero secondo cui una delle sfide più importanti per il settore legno sarà quella dell’internazionalizzazione: «La federazione sta lavorando a numerosi progetti per favorire l’incremento dell’export: missioni in aree strategiche, incontri B2B, servizi ad hoc sono strumenti che FederlegnoArredo mette a disposizione delle aziende associate per aiutarle a crescere oltre i confini nazionali. Attualmente la differenza della quota export fra settore Arredo e settore LegnoEdiliziaArredo è di 17,3 miliardi di euro (64% del fatturato totale) contro 4,8 miliardi di euro (14%)».

Durante il convegno è stato firmato un accordo tra FederlegnoArredo, Pro_holz Austria e Università di Trento per promuovere attività di ricerca, normativa e sviluppo delle strutture di legno.

Articoli correlati
ASSOBETON punta sull'aggiornamento. Terza tappa: Bari
ASSOBETON organizza un ciclo di quattro seminari lungo tutto lo stivale per promuovere l’aggiornamen...
L’architettura è donna: il Concorso Architettura Sostenibile premia il “talento in rosa”
Torna l’appuntamento con l’iniziativa che premia con 5mila euro i migliori progetti di giovani donne...
#ComprateviEdileArchitettura
Disillusi dall'università che credevano essere la migliore, un’istituzione seria in grado di garanti...
Casa Tibaldi, 7 mq nel centro di Milano
La creazione personalizzata di mini appartamenti completamente arredati e rifiniti è un fenomeno nat...
Restituire valore al progetto: su Civiltà di Cantiere numero 3 un’intervista a Leopoldo Freyrie.
Finita la fase delle grandi opere firmate da archistar, è venuto il momento che il settore delle cos...
Casa Nuova Dimensione
Una casa modello, situata a Pszczyna nel sud della Polonia «Casa Nuova Dimensione» è un programma n...
ANCE: EDILIZIA, SEGNALI POSITIVI DA CREDITO E OCCUPAZIONE MA LA RIPRESA NON CI SARÀ PRIMA DEL 2016
Il settore delle costruzioni mostra alcuni segnali di risveglio in Veneto, sebbene resti ancora lo...
ARDUINO CANTAFORA | ALESSANDRO MENDINI. Cose, Case, Città
Antonio Colombo Arte Contemporanea è lieta di presentare Cose, Case, Città, doppia personale di Ar...
PAGAMENTI DELLE IMPRESE EDILI: IN UN ANNO I RITARDI GRAVI CALANO DEL 16,5%, MA SONO BEN IL 132% IN P...
Lo scenario a marzo 2016 dei tempi di pagamento nel settore edile: calano del 16,5% rispetto al 2015...