LA XXVIII EDIZIONE DI RESTRUCTURA CHIUDE CON 25.000 visitatori

L’unica fiera italiana interamente dedicata a riqualificazione, recupero e ristrutturazione registra inoltre un incremento del 10% di espositori rispetto all’edizione 2014.

Si conclude oggi la XXVIII edizione di Restructura. La manifestazione, tenutasi dal 26 al 29 novembre presso l’Oval – Lingotto Fiere di Torino. Sono 25.000 i visitatori totali della manifestazione, di cui il 70% professionisti. Un dato che conferma sostanzialmente i numeri dell’edizione 2014. La provenienza del pubblico è principalmente dalle regioni del nord-ovest, ma si segnalano presenze da tutta Italia, in particolare da Sicilia, Puglia e Calabria.

Significativo il dato relativo alle aziende partecipanti: la fiera registra infatti un +10% di espositori rispetto al 2014, con nuovi settori della filiera al debutto nei 20.000 metri quadrati dell’Oval, tra cui Domotica, Illuminotecnica e BIMBuilding Information Modeling.

Restructura si conferma dunque un appuntamento unico in Italia e un’occasione di confronto sui temi di riqualificazione edilizia e recupero dell’esistente.

Gli orti verticali realizzati a Restructura donati alle scuole elementari di Torino e Provincia.

CNA Piemonte, insieme a Formedil Nazionale, ha proposto l’iniziativa “Finiture d’arte”, una gara aperta alle scuole edili di diverse città italiane per la realizzazione di orti verticali. Durate il contest, che ha visto all’opera i ragazzi delle scuole, sono state costruite le pareti, dai muri al verde, utilizzando per quanto possibile materiale di recupero. Nella giornata di sabato 28 novembre è avvenuta la cerimonia di premiazione, con gli orti che sono stati donati alle scuole elementari di Torino e provincia.

Restructura internazionale: Myanmar nazione ospite e appuntamenti con buyer da 8 Paesi.

Significativo apprezzamento per la manifestazione è stato espresso dagli 11 buyer internazionali provenienti da Belgio, Brasile, Egitto, Francia, Lussemburgo, Marocco, Tunisia e Turchia,arrivati a Torino grazie all’azione del Centro Estero per l’Internazionalizzazione (Ceipiemonte) per incontrare le imprese piemontesi dei settori energia e ambiente, infrastrutture e logistica, edilizia, finiture e arredo. Il calendario dei lavori ha registrato oltre 80 appuntamenti b2b, pianificati sulla base dell’incontro tra la richiesta di approvvigionamento e collaborazione da parte delle società straniere e l’offerta delle piemontesi.

Positiva anche l’esperienza, per la prima volta a Restructura, di un Paese ospite: GL events Italia e CNA hanno ospitato l’artigianato birmano all’Oval, grazie alle relazioni che la Città di Torino da molti anni intesse con il Myanmar; relazioni che, a seguito della Firma dell’Accordo con la Città di Yangon avvenuta a maggio 2015, si sono maggiormente rafforzate.

A Torino dunque è stato dedicato uno spazio in cui mostrare l’eccellenza dell’artigianato birmano ed entrare in contatto con i nostri artigiani locali, per sviluppare l’idea di un artigianato che trovi nell’incontro e scambio delle loro eccellenze e quelle piemontesi nuove vie. Ospiti della Città e con il contributo di UNIDO, sono giunte all’Oval due donne birmane: un’artigiana-imprenditrice dell’associazione dei laccatori di Bagan e un’artigiana proveniente da una delle storiche famiglie di laccatori di tradizione.

Articoli correlati

Share