Design: 101 storie Zanotta

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Un atlante storico del design italiano, un manuale dalla A alla Z scritto per ripercorrere il meglio della produzione Zanotta in sessant’anni di lavoro, a partire dal 1954, anno in cui un imprenditore sensibile e intelligente diede avvio a quel progetto di produzione industriale che avrebbe segnato la storia dell’arredamento italiano.

Aurelio Zanotta si è avvalso dei più significativi progettisti del design come Carlo Mollino, Giò Ponti, Ettore Sottsass,  per costruire una propria personalissima visione, corrispondente ad un’idea precisa di progettazione di oggetti intelligenti e funzionali.

Come Blow del 1967 disegnato da De Pas D’Urbino Lomazzi tra le avanguardie radicali e le utopie degli anni sessanta o Leonardo del 1940 di Achille Castiglioni in cui si parte dal cavalletto per giungere a costruire il tavolo di lavoro o Quaderna del 1970 di Superstudio, inserita in un ”momento della storia in tutto cui tutto era da contestare e da ripensare” o Reale del 1946 di Carlo Mollino, dalle ”forme articolate e complesse che, una volta comprese, stupiscono per l’intelligenza costruttiva di un meccanismo perfetto dove ogni elemento si incastra, abbina, gemella con precisione ad altri, attraverso puntuali sistemi metallici di unione”. O ancora Remida di Fortunato Depero del 1922, Sacco di Gatti Paolini Teodoro del 1968 e Spiffero di Bruno Munari del 1988-89.

Una storia collettiva dove un grande regista (Aurelio Zanotta) sapeva cogliere al meglio le caratteristiche di ognuno“, scrive Beppe Finessi nel saggio introduttivo del suo Design: 101 storie Zanotta, il volume disegnato da Leonardo Sonnoli che racconta, per mezzo di riferimenti e architetture da camera, il viaggio nell’affascinante mondo del design italiano tra riletture storiche e innovazioni industriali.

Presentato alla Triennale di Milano dallo stessi autori insieme ad Alessandro Mendini, il volume edito da Silvana Editoriale è una raccolta ragionata di oggetti d’arredo che hanno segnato la storia della produzione industriale grazie a progettisti innovativi come Gae Aulenti, Bruno Munari, Riccardo Dalisi, ma anche Ugo La Pietra, Roberto Barbieri, Alessandro Mendini, Giuseppe Terragni, Enzo Mari, Alik Cavaliere, Gastone Rinaldi.

101 storie, raccolte come in un dizionario da sfogliare, per ripercorrere la produzione e le innovazioni di questi oggetti straordinari.

Dalla rivoluzione beat al sovvertimento totale delle regole, dall’ironia alla libertà di scelta, Michele Provinciali, Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Giuseppe Pagano, Gino Levi Montalcini, Gabriele Mucchi, Piero Bottari, Marco Zanuso, Willie Landels e tanti altri hanno generato “pensieri che hanno portato in sessant’anni di storia a 550 progetti realizzati con 120 progettisti diversi e soprattutto a quasi 100 oggetti premiati e finiti nei musei di design di tutto il mondo”, scrive Finessi. “C’è qualcun altro che possa vantare gli stessi risultati? Nessuno“, prosegue l’autore. Non si può che concordare.

Scheda volume

Un sedile da trattore che si trasforma in sgabello, una sella da bicicletta che diventa un punto d’appoggio oscillante ma praticabile, un sacco pieno di pallini di polistirolo che non ha forma ma che proprio per questo asseconda qualunque movimento, un fascio di bastoni che si aprono per accogliere vestiti  e ancora, uno specchio che ricalca il profilo di una delle più belle sculture classiche, un sistema di tavoli decorati a quadretti come fossero cruciverba, un divano morbido fatto solo di imbottitura e senza struttura, una poltroncina tutta di alluminio e piena di buchi per resistere all’aperto anche per un secolo, una serie di tavoli in cristallo sostenuti da gambe di acciaio incollate magicamente in modo invisibile.
Sono centinaia gli esempi dirompenti che si possono citare, per raccontare di cosa sia stata capace Zanotta, un’azienda nata nel 1954 per desiderio, volontà ed energia del suo fondatore Aurelio. Un imprenditore di rara sensibilità, capace di costruire una realtà che rappresenta una storia “collettiva” tra le più belle dell’industria italiana, con 550 progetti realizzati da 120 progettisti diversi – ovvero tutti i grandi maestri del design, da Enzo Mari ad Alessandro Mendini, da Bruno Munari ad Achille e Pier Giacomo Castiglioni, da Giò Ponti a Marco Zanuso, da Gae Aulenti a Ettore Sottsass, solo per citarne alcuni – e quasi 100 oggetti premiati e finiti nei musei di design in tutto il mondo.
Il volume, organizzato come un dizionario, raccoglie 101 pensieri, anedotti e interpretazioni critiche su altrettanti e più progetti entrati in produzione nel corso di sessant’anni di attività, attraverso i quali l’autore tratteggia caratteristiche, specificità e orizzonti di un’azienda da sempre curiosa e interessata al nuovo, all’avanguardia in fatto di competenze tecnologiche, e che con curiosità, humour, ironia e passione ha scritto un capitolo fondamentale nella storia del design.

A tractor seat that transforms into a stool, a bicycle seat that becomes an oscillating yet practicable point of support, a shapeless bag full of polystyrene balls that accommodates and accompanies any movement, a bundle of sticks that opens to become a clothes hanger.
We could go on in a whirlwind of ground-breaking examples in attempt to show what the company, founded in 1954, has achieved thanks to the desire, will, hard work and energy of Aurelio Zanotta.
A born entrepreneur in his field, who contributed to write a “collective” history in Italian industry: 550 projects created by 120 designers – as Enzo Mari, Alessandro Mendini, Bruno Munari, Achille and Pier Giacomo Castiglioni, Gio Ponti, Marco Zanuso, Gae Aulenti, Ettore Sottsass, just to mention some – in 60 years of history, and almost 100 pieces that have won awards and have been included in design museums all over the world.

A dictionary of design “stories”: 101 thoughts, anecdotes and critical interpretations on as many (and more) designs put into production over the course of sixty years of Zanotta, tripping over ourselves in an attempt to outline the characteristic horizons of so many successful projects including many famous masterpieces.

DESIGN: 101 STORIE ZANOTTA
Autore: Beppe Finessi, book design di Leonardo Sonnoli
Formato: 12 x 19
Pagine: 416
N. illustrazioni: 250 a colori
Rilegatura: Cartonato con plancia
Anno pubblicazione: 2015
Lingua:Ed. bilingue italiano/inglese
ISBN/EAN:9788836631216
Prezzo: 30,00 Euro.
© Caterina Rinaldo 2016 per Costruzioni.net  – Riproduzione riservata.
Articoli correlati
Murature di Qualità in blocchi di calcestruzzo vibrocompresso. Storia, caratteristiche e progettazio...
Murature di Qualità in blocchi di calcestruzzo vibrocompresso. Storia, caratteristiche e progett...
Uncharted territories Paolo Riani per territori sconosciuti
uncharted territories Paolo Riani per territori sconosciuti a cura di Rita Scrimieri anno 20...
Conservare il futuro Il pensiero della sostenibilità in architettura
Il tema della sostenibilità ambientale è quanto mai attuale. La terra non ci appartiene - dice Ruski...
Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e marmore nella basilica di San Pietro in Vaticano
All’interno della basilica pietrana a Roma sono oggi conservate, come in un prezioso scrigno, undici...
Antonio Labalestra. Storie in discreto disordine
“In questo libro, regnano, invece, in discreto disordine, ricordi di luoghi e cose abbandonate, fr...
Così si rompe… il David di Michelangelo
Analisi dei meccanismi di rottura del monumento eseguiti dall’Istituto di geoscienze e georisorse de...
LE CHIAVI DI ROMA. LA CITTÀ DI AUGUSTO
Il 23 settembre 2014, per il Bimillenario della morte del princeps, il mondo festeggerà Augusto. In ...
Southern Photographs 05, Martin Kollar
Lab - Laboratorio di fotografia di architettura e paesaggio in collaborazione con la Fondazione Mari...
Piazza Castello a Milano: uno spazio pubblico condiviso
In mostra alla Triennale di Milano i progetti per la riqualificazione della storica area Milanese. P...