Il vetro degli architetti. Vienna 1900-1937

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Con oltre 300 opere, in gran parte provenienti dal MAK di Vienna, LE STANZE DEL VETRO dedica l’esposizione primaverile alla genesi della moderna arte vetraria in Austria tra la fine dell’Impero Austro-Ungarico e la Prima Repubblica

In mostra i vetri dei protagonisti del Modernismo Viennese, come: Josef Hoffmann, Koloman Moser, Joseph Maria Olbrich, Leopold Bauer, Otto Prutscher, Oskar Strnad, Oswald Haerdtl e Adolf Loos.

Con oltre 300 opere provenienti dalla collezione del MAK – Austrian Museum of Applied Arts / Contemporary Art di Vienna e da collezioni private, Il vetro degli architetti. Vienna 1900-1937, a cura di Rainald Franz, aprirà al pubblico sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia dal 18 aprile al 31 luglio 2016. La mostra metterà a fuoco per la prima volta la genesi della moderna arte vetraria in Austria tra il 1900 e il 1937, un periodo molto fervido, compreso tra gli ultimi decenni dell’Impero Austro-Ungarico e la Prima Repubblica. Dopo Il vetro finlandese nella Collezione Bischofberger, questa è la seconda esposizione dedicata agli sviluppi internazionali del vetro nel XX secolo, organizzata da LE STANZE DEL VETRO, progetto culturale pluriennale promosso da Fondazione Giorgio Cini e Pentagram Stiftung per lo studio e la valorizzazione dell’arte vetraria del XX e XXI secolo.

A cavallo del 1900, un gruppo di giovani architetti e designer, allievi delle accademie e delle scuole di architettura, sviluppò uno speciale interesse per la lavorazione del vetro. Protagonisti del Modernismo Viennese, come Josef Hoffmann (1870-1956), Koloman Moser (1868-1918), Joseph Maria Olbrich (1867-1908), Leopold Bauer  (1872-1938), Otto Prutscher (1880-1949), Oskar Strnad (1879-1935), Oswald Haerdtl (1899-1959) e Adolf Loos (1870-1933), oggi famosi in tutto il mondo, aprirono la strada ai primi pioneristici sviluppi nella moderna produzione vetraria, lavorando vicino alle fornaci con l’obiettivo di comprenderne a fondo il materiale. La collaborazione tra architetti e designer e l’integrazione di queste innovazioni nella produzione, grazie alla collaborazione con i vetrai viennesi e intermediari come J. & L. Lobmeyr e E. & L. Bakalowits, o in contatto diretto con Istituti specializzati, come quello di Steinschönau, crearono lo stile del Vetro Viennese. Questo stile venne presentato con successo all’interno di nuovi progetti come la “Wiener Werkstätte”, innovativa comunità di produzione legata al mondo del design che sviluppò ulteriormente gli esiti di Secessione viennese, Arts and Crafts, Liberty, Art Nouveau, Jugendstil verso un nuovo classicismo, o il “Werkbund”, movimento nato con l’obiettivo di “nobilitare” il lavoro dei produttori e di incoraggiare la collaborazione tra arte, artigianato e industria.

Il vetro degli architetti. Vienna 1900-1937, attraverso l’accostamento di oggetti di vetro, e dei loro progetti con fotografie che ne documentano la produzione, il design e le mostre che vennero fatte, farà rivivere le impressioni sbalorditive che questi oggetti così radicalmente moderni, crearono nel pubblico. Testi e critiche del tempo supporteranno il ruolo decisivo che ebbe per i Modernisti Austriaci la scelta del vetro come materiale particolarmente adatto a soddisfare la ricerca di nuove forme, superfici ed espressioni. La mostra guarderà inoltre anche all’impatto che il Vetro Austriaco ebbe nel design del vetro Veneziano e Italiano.

Maggiori informazioni saranno disponibili sul sito www.lestanzedelvetro.org e sulla pagina Facebook de LE STANZE DEL VETRO.

Ricordiamo inoltre che la mostra Fulvio Bianconi alla Venini, attualmente in corso, resterà aperta fino al 10 gennaio 2016 (LE STANZE DEL VETRO chiuderà solo il 25 dicembre 2015; il 1 gennaio 2016 aprirà con orario ridotto dalle 15.00 alle 19.00). Contestualmente, e fino al 30 novembre 2016, senza interruzioni, rimarrà aperto al pubblico anche il padiglione temporaneo progettato dall’artista giapponese Hiroshi Sugimoto. Glass Tea House Mondrian, la prima opera architettonica di Sugimoto a Venezia.

Informazioni utili:

Produzione:      Fondazione Giorgio Cini onlus e Pentagram Stiftung

Titolo:               Il vetro degli architetti. Vienna 1900-1937

Curatore:          Rainald Franz, Glass and Ceramics Collection, MAK, Vienna

Date:                18 aprile – 31 luglio 2016

Orari:               10 – 19, chiuso il mercoledì

Sede:               LE STANZE DEL VETRO, Fondazione Giorgio Cini

Indirizzo:          Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia

Biglietteria:       ingresso libero

Catalogo:          Skira per LE STANZE DEL VETRO

Info:                 info@lestanzedelvetro.org, info@cini.it

Web:                www.lestanzedelvetro.org, www.cini.it

Come arrivare:

Per arrivare all’Isola di San Giorgio Maggiore è possibile prendere il vaporetto della linea Actv 2 con fermata San Giorgio in partenza da:

San Zaccaria (durata del viaggio di circa 3 minuti)

Ferrovia (durata del viaggio di circa 45 minuti)

Piazzale Roma (durata del viaggio di circa 40 minuti)

Tronchetto (durata del viaggio di circa 35 minuti)

Per maggiori informazioni:

Fondazione Giorgio Cini

stampa@cini.it

T: +39 041 2710280

www.cini.it

LE STANZE DEL VETRO

press@lestanzedelvetro.org

T: +39 041 5230869

www.lestanzedelvetro.org

Articoli correlati
Oltre cinquemila visitatori per la mostra dedicata ai vetri veneziani
Napoleone Martinuzzi. Venini 1925-1931  a cura di Marino Barovier 8 settembre – 1 dicembre 2013 ...
Luca Meda, la felicità del progetto
La Triennale di Milano dedica una mostra al progettista e designer del Gruppo Molteni. La mostra in...
Il design per i musei
Questo pomeriggio, a partire dalle 18,30, Fulvio Irace introdurrà il seminiario dedicato al rapporto...
Tomaso Buzzi alla Venini
Una mostra che celebra il gusto italiano degli anni trenta nelle opere in vetro del celebre architet...
LE FORME DELL’ACQUA
Galassia  presenta la Mostra “LE FORME DELL’ACQUA” in collaborazione con  il Dipartimento Archite...
UNIVERSAL DESIGN. LA QUALITÀ DELL’ACCOGLIENZA PRENDE FORMA
A metà febbraio un corso di specializzazione in universal design promosso da Regione Veneto, Assesso...
Omaggio ad Achille e Pier Giacomo Castiglioni
E’ la metà degli anni Sessanta quando Aurelio Zanotta incontra il genio dei fratelli Achille e Pier ...
LA FONDAZIONE ALDO MORELATO E L’AZIENDA MORELATO PRESENTANO LA MOSTRA: “100+10 PROGETTI”
In esposizione i 100 progetti più significativi della  XII edizione del Concorso “Il Mobile Signific...
I DesignEuropa Awards: la celebrazione di disegni e modelli nell’UE
È ora possibile presentare la propria candidatura per l'edizione inaugurale dei DesignEuropa Awards,...