ARDUINO CANTAFORA | ALESSANDRO MENDINI. Cose, Case, Città

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Antonio Colombo Arte Contemporanea è lieta di presentare Cose, Case, Città, doppia personale di Arduino Cantafora e Alessandro Mendini, a cura di Ivan Quaroni.
La mostra raccoglie opere di periodi che incarnano aspetti diversi e perfino contrapposti della cultura visiva postmoderna, al confine tra arte e architettura.
Entrambi architetti, artisti e scrittori, ma anche raffinati intellettuali, Alessandro Mendini e Arduino Cantafora si cimentano, attraverso le loro opere, in un serrato confronto di stili, linguaggi e ossessioni antitetiche.

Due anime del Postmoderno, quella post-avanguardista, neofuturista di Mendini e quella anacronista, retrospettiva, classica di Cantafora, il primo guarda avanti, inventa i concetti di “Cosmesi Universale” e il “Design Pittorico“, il secondo torna al mestiere, al rapporto con la realtà ottica.

Due anime, la neo-moderna e la classica che hanno convissuto nel Postmodernismo, così come fecero la Transavanguardia, gli Anacronisti, i Citazionisti e i Nuovi Nuovi, incarnando i vari aspetti di una medesima attitudine verso il ripescaggio e il ripensamento della storia dell’arte.

In mostra saranno esposti alcuni dipinti di Arduino Cantafora raffiguranti vedute di città silenti della serie Domenica Pomeriggio accanto alle composizioni complesse dei Teatri di Città e a una selezione di opere più piccole dedicate a scorci di interni. Alessandro Mendini, invece, esporrà opere su tavola e tela, dipinte con una speciale vernice alla nitro, alcuni oggetti e prototipi, oltre che una serie di disegni degli ultimi anni.
Le opere saranno inserite in un wallpainting policromo site specific.

Allievo e collaboratore di Aldo Rossi fino al 1978, ma con un background che affonda le radici nell’interesse scientifico per una lucida e razionale riproduzione realistica, Arduino Cantafora ha dipinto opere in cui non solo l’architettura urbana, ma anche gli interni domestici, gli oggetti e i luoghi sono descritti con un impressionante rigore e una straordinaria acribia tecnica.
Architetto, insegnante e scrittore, tra i suoi scritti vale la pena ricordare almeno Quindici stanze per una casa, pubblicato da Einaudi, Cantafora è autore di una pittura pulita, otticamente esatta, spesso imbevuta di umori mercuriali e malinconici. I suoi dipinti, che spaziano dalle vedute urbane alle allegorie architettoniche, dagli interni borghesi alle vecchie locomotive a vapore, mostrano che alla base del suo modus pingendi c’è sempre un profondo interesse umanistico per lo studio morfologico delle forme.
Influenzato da Caravaggio e dalla pittura lombarda del Cinque e Seicento, ma anche dal Divisionismo, dal Purismo e dalla Metafisica, il linguaggio figurativo di Arduino Cantafora si configura come l’esito di un personalissimo percorso memoriale, che parte da una sentita adesione al dato ottico per ricostruire l’identità storica individuale e collettiva. Un’attitudine, questa, che ha poi tradotto in una pratica didattica al Politecnico di Losanna e all’Accademia di Architettura di Mendrisio, dove ha affrontato i diversi temi legati al problema della rappresentazione.

Ho sempre sperato, durante gli anni di insegnamento” – ha confessato l’artista – “di riuscire a contribuire al piacere di vedere le cose, allo stupore della visione come fattore di libertà inalienabile individuale, che nel sapere cogliere lungo l’arco del giorno e delle stagioni il rincorrersi della luce, possa incontrare la sempre identica a se stessa gioia dell’essere”.

Architetto, designer, teorico e scrittore, Alessandro Mendini ha passato l’infanzia in una casa borghese disegnata da Piero Portaluppi, circondato dalle opere dei maggiori artisti italiani del Novecento collezionate dai suoi parenti. A questo imprinting visivo, fondamentale per la sua formazione, si è unita poi una vivace passione per il disegno.

Dopo la laurea in architettura, inizia a lavorare allo Studio Nizzoli, ma nel 1970 lascia la progettazione per dirigere le riviste “Casabella”, “Modo” e “Domus”, attraverso cui diffonde le sue idee di rinnovamento nel design. Alla fine degli anni Settanta entra nello Studio Alchimia, il gruppo di design radicale che negli anni Ottanta riscrive le regole della progettazione in senso anti-funzionalista, puntando sulla produzione di oggetti di puro piacere, prototipi, mobili, ambienti, installazioni e arredi ispirati all’estetica kitsch e all’arte popolare.
Nel design come nell’architettura, Mendini affronta il progetto come arte e l’arte come progetto, creando curiose contaminazioni tra pittura e architettura e inventando concetti provocatori come “Design Pittorico”, “Artigianato Informatico” e “Architettura Ermafrodita”.
Seguendo una logica paradossale, infatti, Mendini trasferisce in pittura l’approccio ideativo del design e dell’architettura, mentre infonde in questi ultimi l’impulso emozionale dell’arte. “Data l’insufficienza del progetto a fronteggiare il mondo” – scrive nel 1986 – “esso viene sostituito dal dipinto, che diventa un’opera senza principio, senza fine e senza giustificazione, una formalistica rete di stilemi e riferimenti visivi, simile al frangersi di un’onda”.

I suoi oggetti, così come i suoi dipinti sono contrassegnati dall’invenzione di un personale alfabeto di forme astratte, modellate sulla reinterpretazione dei linguaggi delle avanguardie moderniste e futuriste. Nei disegni, affiora, invece, l’anima più ironica e poetica di Mendini, incline alla creazione di racconti visivi sospesi tra il bozzetto e il progetto, eternamente in bilico tra il bisogno di costruire e il desiderio di sognare.

Inaugurazione mercoledì 6 aprile alle ore 18.30.

Apertura dal 6 aprile al 19 maggio 2016, da martedì a venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 – sabato dalle 15.00 alle 19.00.
Aperture speciali per la settimana del Salone del Mobile:
da martedì 12 aprile a venerdì 15 aprile dalle 11.00 alle 20.00,
sabato 16 e domenica 17 aprile dalle 13.00 alle 19.00.

Giovedì 21 aprile alle ore 18.30:
conversazione con gli artisti, Franco Raggi e il curatore Ivan Quaroni.

ARDUINO CANTAFORA

nato a Milano nel 1945, vive e lavora a Losanna, in Svizzera. Architetto, professore di architettura alla Scuola Politecnica Federale di Losanna e all’Accademia di Architettura di Mendrisio è uno tra i pochi italiani a essere stati invitati come “Visiting Professor” alla Yale University.
La carriera di Cantafora ha pochi paragoni per l’eccellenza dei risultati conseguiti.
Un elenco solo parziale comprende mostre personali alla Triennale di Milano, nel 1973 con il grande pannello “Città analoga”, che divenne il manifesto di una nuova tendenza che recuperava gli elementi del razionalismo e dell’architettura europea del Novecento, e nuovamente nelle edizioni del 1980 e 1984. Nel 1980 partecipa alla Biennale di Venezia, sia nella sezione Architettura che in quella di Arti Visive, nel 1982 all’Alcazar di Siviglia, nel 1984 alla Martin Gropius Bau di Berlino, nel 1990 a Palazzo Reale di Milano e nel 1994 al Centro Pompidou di Parigi.
L’attività di Cantafora comprende anche numerose scenografie per la Scala e per altri prestigiosi teatri, una serie di pubblicazioni sul tema dell’architettura e dell’insegnamento e alcuni scritti di pura narrativa pubblicati da Einaudi.
Nel 2003 ha vinto il premio di pittura Michetti.
Il riconoscimento internazionale della qualità del suo lavoro è anche ben testimoniato dalla recente acquisizione da parte del Museo Nazionale d’Arte Moderna (MNAM) del Centre Pompidou di Parigi di una sessantina di opere per la collezione permanente.

ALESSANDRO MENDINI

nasce nel 1931 a Milano, dove vive e lavora.
Laureatosi in architettura, è membro onorario della Bezalel Academy of Arts and Design di Gerusalemme. Gli è stato attribuito il Compasso d’oro per il design (1979 – 1981 – 2014), è “Chevalier des Arts et des Lettres” in Francia, ha ricevuto l’onorificenza dell’Architectural League di New York e la Laurea Honoris Causa al Politecnico di Milano e all’École Normale Supérieure de Cachan in Francia. È professore onorario alla Accademic Council of Guangzhou Academy of fine Arts in Cina. Nel 2015 gli è stato conferito l’European Prize for Architecture 2014 a Chicago, la Laurea Honoris Causa dall’Accademia di Belle Arti di Wroclaw in Polonia e dall’Università KMU- Kookmin University di Seoul in Corea, ed è divenuto Mestre de Design al FAD di Barcellona in Spagna. E’ tra i fondatori di Domus Academy.
Ha diretto in successione le riviste “Casabella” (1970-1976), “Modo” (1977-1981) e “Domus(1980- 1985; 2010- 2011).
Collabora con compagnie come Alessi, Bisazza, Hermés, Philips, Kartell, Swatch, Venini, Cartier, ed è consulente di varie industrie in Corea, come Ramun International, Cha Hospital, SPC Group, Samsung, Prouna. In Cina, nella provincia di Guangdong,  è consulente per l’immagine di Elegant Living Corporation.
I suoi lavori si trovano in vari musei e collezioni private nel mondo.
Nel 1989 ha aperto assieme al fratello, architetto Francesco Mendini, l’Atelier Mendini a Milano. L’Atelier ha progettato le Fabbriche e gli uffici Alessi e il Museo del Casalingo a Omegna; la nuova piscina olimpionica a Trieste; il restauro della Villa Comunale a Napoli; i nuovi uffici di Trend Group a Vicenza; il recupero di una zona industriale con edifici destinati a spazi commerciali e residenziali nel quartiere Bovisa a Milano; una torre ad Hiroshima in Giappone; il Museo di Groningen in Olanda; un quartiere a Lugano in Svizzera; il palazzo per gli uffici Madsack ad Hannover e un palazzo Commerciale a Lörrach in Germania. in estremo oriente la nuova sede della Triennale di Milano a Incheon, gli edifici residenziali Posco a Seoul, la Torre Osservatorio nella città di Suncheon, il Terminal dell’alta velocità a Gwangju. L’Atelier Mendini ha ricevuto la Medaglia d’oro all’architettura italiana 2003 alla Triennale di Milano per il progetto delle stazioni Metropolitana di Napoli e il Villegiature Awards 2006 a Parigi per il Byblos Art Hotel di Verona, come “Best Hotel Architecture and Interior Design in Europe”.

Immagini:

Arduino Cantafora, Domenica Pomeriggio III, 2016, vinilico e olio su tavola, 80×120 cm.

Alessandro Mendini, ST, 1986, nitro su tela, 195×150 cm.

Articoli correlati
Il recupero della città antica, il caso di Bari
Il contesto della città antica presenta problematiche variegate e complesse in relazione alla popola...
Strutture Prefabbricate Assobeton: come progettare in conformità alle nuove normative
 Il 25 maggio 2012  a Parma si terrà il primo di tre appuntamenti in cui saranno analizzati i princi...
Il palazzo Barone Ferrara
In occasione delle XXI giornate FAI di primavera, sarà aperto al pubblico uno storico edificio sul c...
Paola De Pietri, seccoumidofuoco. Una ricerca sulla realtà produttiva del settore ceramico
Bologna, CERSAIE - 23 - 27 Settembre 2013  In occasione del CERSAIE 2013 è allestita in anteprima n...
Antonio Labalestra. Storie in discreto disordine
“In questo libro, regnano, invece, in discreto disordine, ricordi di luoghi e cose abbandonate, fr...
A Radical New Idea - “Gera’s Strong Center” in the “Europan 13” International Architectural Competit...
Ideas wanted: teams of young architects and planners in Europe can now submit proposals for Gera. A ...
INDIA: IN CRESCITA ECONOMIA, LAVORI PUBBLICI E MERCATO DELLE MACCHINE PER COSTRUZIONI
Confindustria Modena, SaMoTer e Unacea organizzano il padiglione italiano delle macchine per costruz...
Leggerezza visuale dell'architettura
La trasformazione di un edificio residenziale e commerciale degli anni ’70, situato nella piazza cen...
thyssenkrupp Elevator raggiunge i 246 metri di altezza con l’avveniristica torre di prova a Rottweil
Ultimo mese di lavoro per l’avveniristica Torre di test Rottweil, nel Baden- Württemberg. La Torre, ...