I Nuclei di Manutenzione Edile, una risorsa per la logistica di supporto della Marina

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Già attivi dai primi mesi del 2014, hanno raggiunto la piena operatività nel 2015 e oggi dispongono di un organico di circa 1200 unità, distribuite su 57 nuclei.

​I Nuclei di Manutenzione Edile (NME) sono stati istituiti alla fine del 2013 per sfruttare con più efficacia le risorse e migliorare lo stato di efficienza degli immobili della Marina. Ne fanno parte ufficiali, sottufficiali e graduati che seguono corsi di formazione interni alla Forza Armata, e personale civile con specifici profili professionali.

Già al lavoro dall’inizio del 2014, i NME hanno raggiunto la piena operatività nel corso del 2015 e oggi dispongono di un organico di circa 1200 unità specializzate, distribuite su 57 nuclei e 4 Nuclei Iniziali Gruppi Genio Campali (GGC).

I nuclei possono svolgere tutti gli interventi che rientrano tra le manutenzioni di “primo livello” degli immobili e dei relativi impianti anche se i compiti principali assegnati sono quelli di manutenzione ordinaria, cambio utenza e ri-allestimento degli alloggi per il personale in servizio. I risultati si vedono, sono circa 1800 gli alloggi resi disponibili dopo le ‘cure manutentive’ dei nuclei nell’ultimo biennio.
Gli interventi possono spaziare dalla sostituzione di tubazioni alle opere murarie, dal ripristino del manto stradale del comprensorio militare, al mantenimento in efficienza dei numerosi impianti antincendio, idrici e fognari.

Con i NME, quindi, si realizza un parallelismo perfetto con le navi, dove gli equipaggi sono allo stesso tempo utenti e manutentori. La nave, infatti, non è solo un posto di lavoro ma anche casa che, come tale, necessita di manutenzioni continue di piccola o media entità alle quali l’equipaggio contribuisce quotidianamente. Allo stesso modo i NME si occupano della manutenzione delle infrastrutture, prima di tutto gli alloggi della Marina.

Questo nuovo modo di utilizzare le risorse della Marina ha già permesso di riportare a ‘nuova vita’ numerose strutture, limitando le spese di manutenzione al solo acquisto dei materiali di consumo. In questo modo è migliorata l’efficienza di gestione delle risorse ed è stato possibile intervenire più rapidamente rispetto al passato, a tutto vantaggio della logistica e del benessere del personale.

Un traguardo raggiunto grazie alla capacità di adattamento e alla flessibilità di impiego dei NME, caratteristiche peculiari del Marinaio e che in futuro potrebbero migliorare sempre di più l’efficienza del sistema di gestione degli immobili della Marina.

Fabio Trisorio

 foto: Marina Militare

Articoli correlati
Un interessante dettaglio costruttivo
Un interessante particolare di tecnica costruttiva muraria è evidenziato da questo framm...
ACQUA E CIBO, ENERGIA E TRASPORTI: PIANIFICARE IL FUTURO DEL TERRITORIO CON LA QUALITÀ DEL PAESAGGIO
Convegno organizzato nell'ambito della manifestazione Life2020. L’evento, organizzato dalla Soprinte...
Abitare in modo sostenibile riducendo i consumi in casa: se ne parla con UniAbita il 22 novembre in ...
La Cooperativa di Abitanti, insieme a istituzioni e autorevoli esponenti del mondo cooperativo, part...
Biocasa felice. Risparmio energetico e isolamento acustico nel sistema edificio-impianto
Sinergie Moderne Network conferma la sua leadership nazionale anche in occasione dei dodici ...
#ComprateviEdileArchitettura
Disillusi dall'università che credevano essere la migliore, un’istituzione seria in grado di garanti...
Un ponte tra la natura di Asiago e il cuore di Milano
La Rigoni di Asiago sostiene il 50^ Progetto di Fondaco: Il Restauro dell'Atrio dei Gesuiti del Pal...
Torino capitale mondiale della fisica dell’edificio per la 6th INTERNATIONAL CONFERENCE ON BUILDING ...
15-17 giugno 2015, Politecnico di Torino. Torino, 11 giugno 2015 – Sono oltre 600 i delegati proven...
INDIA: IN CRESCITA ECONOMIA, LAVORI PUBBLICI E MERCATO DELLE MACCHINE PER COSTRUZIONI
Confindustria Modena, SaMoTer e Unacea organizzano il padiglione italiano delle macchine per costruz...
REbuild 2016 L’industria manifatturiera incontra l’edilizia. Nuove opportunità per l’Italia
La digitalizzazione del processo e la prefabbricazione flessibile supportata dalle nuove tecnologie ...