IL PAESAGGIO COME CAMPO DI STUDIO E RICERCA AL POLITECNICO DI TORINO

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Un accordo tra l’Ateneo e l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio vede la sua prima attuazione nella collaborazione per il Congresso Mondiale di Architettura del Paesaggio IFLA Torino 2016.

La tematica del paesaggio e della sua progettazione costituisce uno degli insegnamenti cardine nei corsi proposti dal Dipartimento di Architettura e Design – DAD del Politecnico di Torino e del Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio – DIST, che integra le competenze dei due atenei torinesi; in particolare, il corso di laurea magistrale interateneo in Progettazione delle aree verdi e del paesaggio (organizzato da Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi di Genova, Università degli Studi di Milano) rappresenta un caso di eccellenza nel panorama italiano in un ambito di studi e di ricerca che trova nella città di Torino un esempio significativo di spazio urbano che ha saputo mantenere spazi verdi nel tessuto costruito, tanto da renderla una delle città italiane con il migliore rapporto tra aree edificate e superfici a verde.

In questo contesto, il Politecnico collabora con l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio per definire progetti e attività comuni. Sono in programma iniziative in Italia e all’estero, sia nell’ambito formativo che di ricerca, anche attraverso la collaborazione con gli enti locali; i progetti si svilupperanno nell’ambito della trasformazione dei paesaggi urbani e metropolitani, nei paesaggi non urbanizzati e in quelli di transizione.

La collaborazione dell’Ateneo nella definizione delle tematiche scientifiche del Congresso Mondiale di Architettura del Paesaggio IFLA Torino 2016 costituisce la prima attuazione di questa partnership; in preparazione al Congresso e come attività parallela ai lavori, sono stati inoltre coinvolti direttamente gli studenti, che hanno potuto partecipare ad un contest di architettura promosso in questo contesto dall’associazione studentesca del Politecnico BEST Torino (Board of European Students of Technology). Nel corso di un workshop che si è svolto nel mese di marzo, circa 300 ragazzi hanno elaborato un’idea progettuale per la costruzione di un padiglione nel contesto del giardino roccioso del Parco del Valentino. Il team vincitore del contest (Gloria Ciardi, Marta Bianco, Elisa Buratto) avrà la possibilità di realizzare e installare il proprio progetto proprio nei giorni del Congresso.

Articoli correlati
GRATTACIELI: UN NUOVO RECORD DOPO IL BURJ KHALIFA
di ing. Mario Mancini  Soltanto un anno fa scrissi l’articolo sull’allora grattacielo dei record: i...
Vecchio ordinamento, decadenza studenti universitari: il Consiglio di Stato boccia il Rettore
Vittoria per gli studenti dell'Università di Cagliari. Il problema anche a Palermo, e in Molise. So...
L'architettura della città di Padova
Spesso la fotografia è l'unico modo per conoscere l'architettura scrive Cinzia Simione nel suo, &quo...
UNCONVENTIONAL AT_TRACTIONS
SCULTURE IN METALLO DI  DANIELE DELL’ ANGELO CUSTODE GX GALLERY ,  28 Ago 2014 - 19 Sett 2014, 43...
Riduzione di CO2 e materiali sostenibili. McDonald’s ottiene la certificazione CasaClima Nature
Milano, 6 ottobre 2014 – Riduzione delle emissioni di CO2, risparmio di acqua e di cellulosa, nuovi ...
I rami smaltati detti veneziani del Rinasci-mento italiano. Geografia artistica, collezionismo, tecn...
L’istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Cini organizza un convegno in collaborazione con il ...
L’Italia sta invecchiando… e anche le sue case
11,6 milioni di abitazioni hanno più di 40 anni di età, sono energivore e dispendiose per i cittadin...
Daniel Libeskind: a Milano la sua visione di città del futuro
Alla Bocconi l’incontro con l’archistar che ha parlato del suo rapporto con la città di Milano e dei...
Arte per l’arte: Ideal Work finanzia il restauro dello stemma di Cosimo II de’ Medici a Firenze. Il ...
L’arcata principale che ospita lo stemma di Cosimo II de’ Medici in fase di restauro è oggi ricopert...