IL PAESAGGIO COME CAMPO DI STUDIO E RICERCA AL POLITECNICO DI TORINO

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Un accordo tra l’Ateneo e l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio vede la sua prima attuazione nella collaborazione per il Congresso Mondiale di Architettura del Paesaggio IFLA Torino 2016.

La tematica del paesaggio e della sua progettazione costituisce uno degli insegnamenti cardine nei corsi proposti dal Dipartimento di Architettura e Design – DAD del Politecnico di Torino e del Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio – DIST, che integra le competenze dei due atenei torinesi; in particolare, il corso di laurea magistrale interateneo in Progettazione delle aree verdi e del paesaggio (organizzato da Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi di Genova, Università degli Studi di Milano) rappresenta un caso di eccellenza nel panorama italiano in un ambito di studi e di ricerca che trova nella città di Torino un esempio significativo di spazio urbano che ha saputo mantenere spazi verdi nel tessuto costruito, tanto da renderla una delle città italiane con il migliore rapporto tra aree edificate e superfici a verde.

In questo contesto, il Politecnico collabora con l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio per definire progetti e attività comuni. Sono in programma iniziative in Italia e all’estero, sia nell’ambito formativo che di ricerca, anche attraverso la collaborazione con gli enti locali; i progetti si svilupperanno nell’ambito della trasformazione dei paesaggi urbani e metropolitani, nei paesaggi non urbanizzati e in quelli di transizione.

La collaborazione dell’Ateneo nella definizione delle tematiche scientifiche del Congresso Mondiale di Architettura del Paesaggio IFLA Torino 2016 costituisce la prima attuazione di questa partnership; in preparazione al Congresso e come attività parallela ai lavori, sono stati inoltre coinvolti direttamente gli studenti, che hanno potuto partecipare ad un contest di architettura promosso in questo contesto dall’associazione studentesca del Politecnico BEST Torino (Board of European Students of Technology). Nel corso di un workshop che si è svolto nel mese di marzo, circa 300 ragazzi hanno elaborato un’idea progettuale per la costruzione di un padiglione nel contesto del giardino roccioso del Parco del Valentino. Il team vincitore del contest (Gloria Ciardi, Marta Bianco, Elisa Buratto) avrà la possibilità di realizzare e installare il proprio progetto proprio nei giorni del Congresso.

Articoli correlati
Vincolo paesaggistico sui quartieri cittadini
La Regione  Puglia (BUR 115 del 2/8/2012) ha pubblicato  la  determinazione 425 per l' apposizione d...
TAV Bologna - Milano. Fotografia, ricerca e territorio
John Gossage, Dominique Auerbacher, William Guerrieri, Guido Guidi, Walter Niedermayr, Vittore Fossa...
Etruschi in mostra al Louvre-Lens con il Cnr
L’antica Caere torna a vivere nei capolavori esposti nella succursale del museo francese, grazie a u...
Schüco PVC partner dell’Earth Day 2014, la Giornata mondiale della Terra
Design, tecnologia e rispetto per l’ambiente: i valori di Schüco PVC, l’infisso che ama la natura. ...
RIGENERARE ITALIA - CONVEGNO AUDIS PER PRESENTARE IL "DOCUMENTO SULLA RIGENERAZIONE URBANA"...
Appuntamento a Modena con le principali associazioni italiane per inquadrare il futuro delle città i...
Nasce a Roma Direttalavori.it
Niente più ingorghi e cantieri a sorpresa con il nuovo sito che segnala in tempo reale i lavori che ...
IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE MILITARI IN AMBITO URBANO
Dalla collaborazione fra  Difesa, Politecnico di Torino e Politecnico di Milano nasce il workshop “T...
Un efficace sistema di gestione degli edifici con una soluzione “touch”
Una nuova tecnologia dedicata agli “smart building” trasforma i dati operativi degli edifici in racc...
L'ordine del paesaggio
Mercoledì 25 novembre e giovedì 26 novembre 2015, a partire dalle 17, presso il Castello Stella-Carr...