Il linguaggio delle strutture. La scuola italiana di ingegneria

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Al Politecnico di Bari la storia dell’ingegneria strutturale in Italia sarà ripercorsa nel corso di una conferenza a cura di Fabio Fatiguso, Maurizio D’Amato e Vitangelo Ardito. Interverranno Sergio Poretti e Tullia Iori della Università Tor Vergata di Roma. In mostra fotografie e documenti inediti provenienti da archivi di tutta Italia.

Giovedì 19 maggio alle ore 10,00 nell’aula videoconferenze del Politecnico di Bari, si terrà la conferenza dal titolo “Il linguaggio delle strutture. La scuola italiana di ingegneria” a cura di Fabio Fatiguso, Maurizio D’Amato e Vitangelo Ardito. Interverranno Sergio Poretti e Tullia Iori della Università Tor Vergata di Roma. La lecture, che si basa sui risultati della ricerca: SIXXI – Storia dell’ingegneria strutturale in Italia, è una pièce a due voci che narra la straordinaria avventura di progettisti e scienziati e tratta la storia delle strutture che hanno fatto grande l’ingegneria italiana. Un viaggio che inizia dalla metà dell’Ottocento e si svolge lungo tutto il Novecento: una storia avvincente, a tratti singolare, che si snoda durante gli anni del miracolo economico, quando le opere degli ingegneri italiani (i più noti sono Pier Luigi Nervi e Riccardo Morandi, ma ci sono anche progettisti trascurati come Silvano Zorzi, Sergio Musmeci, Giulio Krall, Gino Covre e molti altri), diventano un punto di forza del Made in Italy e apportano un contributo fondamentale allo sviluppo dell’ingegneria moderna.

Il racconto è accompagnato da una collezione, in gran parte inedita, di fotografie d’autore e di documenti originali, raccolti in archivi di tutta Italia, che ripropongono l’universo figurativo scomparso dell’ingegneria strutturale.
La stessa conferenza è stata presentata tre settimane fa in occasione del MakING. Ingegneria italiana, eccellenza per il paese, organizzato dal CNI, Consiglio Nazionale degli Ingegneri al MAXXI di Roma.

Articoli correlati
Recupero della bellezza e crescita felice. Grottaglie città virtuosa
L’idea di far sviluppare una capacità del territorio “tutto” in modo che l’invisibile possa diventar...
Proroga esame di Stato. Il Movimento 328 ottiene il sine die, ma una lettera del Presidente alle Cam...
a cura del Movimento Nazionale DPR328 Data di pubblicazione: 03/2012 Una lettera del...
La città senza filtro, una conversazione con Antonio Labalestra
Sabato 13 aprile 2013 alle 19,00, presso la Galleria Spazio Giovani in via Venezia 41 a Bari, l’arch...
Living Architectures. Rem Koolhaas, Richard Meier, Frank Gehry, Renzo Piano, Herzog & De Meuron:...
LIVING ARCHITECTURES MARATHON è il tour che dal 27 giugno al 20 settembre 2013 presenterà al pubblic...
LE CHIAVI DI ROMA. LA CITTÀ DI AUGUSTO
Il 23 settembre 2014, per il Bimillenario della morte del princeps, il mondo festeggerà Augusto. In ...
Arnaldo Pomodoro, forme e segni tra residenze storiche e fortezze imperiali del Meridione
In mostra a Bari, Andria e Trani fino al 30 novembre 2014 le opere dello scultore autore delle Deriv...
SIRACUSA PRIMA CITTA' SMART
La città si candida tra le città intelligenti internazionali, grazie a un progetto del Cnr che, tram...
Riduzione di CO2 e materiali sostenibili. McDonald’s ottiene la certificazione CasaClima Nature
Milano, 6 ottobre 2014 – Riduzione delle emissioni di CO2, risparmio di acqua e di cellulosa, nuovi ...
Forma ed efficienza termica nel calorifero di design
Giovedì 26 novembre, dalle 14.00 alle 19.15, presso l’Opificio Golinelli di Bologna, si terrà il wor...