PAGAMENTI DELLE IMPRESE EDILI: IN UN ANNO I RITARDI GRAVI CALANO DEL 16,5%, MA SONO BEN IL 132% IN PIU’ RISPETTO AL 2010

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Lo scenario a marzo 2016 dei tempi di pagamento nel settore edile: calano del 16,5% rispetto al 2015 i ritardi gravi, dell’1% i pagamenti alla scadenza. Più in salute il comparto degli installatori, male l’edilizia specializzata. Il rapporto di Cribis D&B sui pagamenti delle imprese edili.

Milano, 16 maggio 2016 – Dopo le grandi difficoltà degli ultimi anni ci sono piccoli miglioramenti nella puntualità nei pagamenti delle imprese che operano nel settore edile. A fine marzo 2016 infatti il 40,2% delle 726.200 imprese analizzate ha saldato i fornitori alla scadenza, un incremento dell’1% rispetto ad un anno fa, ma soprattutto si evidenzia un calo dei ritardi gravi del 16,5%. Le performance del settore edile inoltre sono migliori di quelle della media italiana, pari al 35,1%. Se si paragonano invece i ritardi oltre i 30 giorni, la media italiana è del 13,8%, mentre l’edilizia si ferma al 11,6%.

A diffondere i dati è lo Studio Pagamenti, aggiornato a fine marzo 2016, realizzato da CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nelle business information, che ha studiato i comportamenti di pagamento delle imprese edili italiane.

Rispetto al 2010 invece il confronto è più severo e evidenzia le problematiche che le imprese edili hanno dovuto affrontare negli ultimi anni: i pagamenti puntuali infatti rispetto a 6 anni fa sono calati del 4,3%, mentre i ritardi oltre il mese dal termine stabilito con i fornitori sono aumentati del 132%.

Entrando nel dettaglio, è il comparto degli installatori a godere di maggior salute, con una puntualità del 41,5%. Segue la costruzione degli edifici con il 37,7%. Male invece l’edilizia specializzata con il 32,6% di pagamenti virtuosi a fronte del 13,8% di gravi ritardi. Rispetto invece al 2010 è proprio l’edilizia specializzata a esibire dati più rassicuranti. I pagamenti alla scadenza sono infatti cresciuti del’8,2%, mentre i ritardi gravi del 102,9%. Situazione opposta per la costruzione di edifici, la cui puntualità in questi ultimi anni è calata dell’11,5%, così come i ritardi gravi sono cresciuti del 144,4%.

Le aziende edili hanno affrontato la crisi concentrandosi soprattutto sulla ricerca di nuovi mercati e sulla ridefinizione delle strategie di gestione della clientela – commenta Marco Preti, amministratore delegato di Cribis D&B -. In particolare, le aziende che hanno ottenuto le migliori performance sono quelle che hanno utilizzato la gestione del credito come uno dei parametri di segmentazione della clientela, in sinergia con le esigenze e gli obiettivi commerciali. La puntualità dei pagamenti è quindi diventata uno degli elementi chiave per ottimizzare i flussi di cassa e individuare i clienti da fidelizzare e su cui investire. I piccoli segnali di miglioramento rispetto allo scorso anno non devono però fare abbassare la guardia. A ciò si aggiunge, l’esigenza di continuare a considerare la capacità di generare cassa come uno degli obiettivi finanziari più importanti in quanto sarà sempre più complesso per le aziende finanziarsi a breve termine”, conclude Marco Preti.

Nel nord est risiedo le imprese edili più puntuali, con una quota di pagamenti virtuosi del 51,5% e pagamenti oltre il mese di ritardo del 7,1%. Segue il nord ovest con imprese puntuali nel 46,5% dei casi, il centro con il 37,9%. Critica la situazione nel sud e isole: solo 22,8% gli imprenditori virtuosi, ben il 19,2% i cattivi pagatori.

Articoli correlati
Movimento Nazionale DPR 328
L’approvazione del DPR 328/01, conclusasi frettolosamente nell’estate del 2001, ha generato un diffu...
Riforma delle professioni: Ingegneri V.O. rischiano tirocinio di un anno
a cura del Movimento Nazionale DPR328 Sembra più una rapida trovata di fine legislatura, che un ver...
CORSO DI AGGIORNAMENTO PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE AI S...
Il Centro di Formazione ARCHITA, organizza il primo corso di aggiornamento per coordinatori per la s...
Esame di Stato V.O. Il nuovo successo del Movimento DPR328
Transitorio 2011. Un meccanismo a due tempi Pubblicato il D.P.C.M. che estende il transitorio fino...
D.L. COMPETITIVITÀ: ARCHITETTI,CONSIGLIO NAZIONALE, "BENE LO STOP ALLE SOCIETÀ DI INGEGNERIA AD...
Roma, 4 agosto 2014. "Ci auguriamo che venga mantenuto l'emendamento approvato dalle  commissio...
Antisismica: proroga del bonus 65%. Il via libera della Commissione Ambiente.
UNICMI E ISI scrivono al Presidente della Commissione Ambiente Realacci e al Vicepresidente Iannuzzi...
Ance: PRONTI 436 CANTIERI PER FAR RIPARTIRE IL veneto
Presentati a Roma, nel corso del Building Day, i risultati di una ricognizione di opere rapidamente ...
LE PROPOSTE DI ANCE VENETO AI CANDIDATI PRESIDENTE
Spazio ai piccoli cantieri, premiando i comuni che spendono bene, impegno comune contro la corruzion...
Gli errori di progettazione: una risorsa per meglio progettare
Come scrive Henry Petroski nel suo “Gli errori degli ingegneri", (Pendragon, 2010), “pur essend...