REbuild 2016 L’industria manifatturiera incontra l’edilizia. Nuove opportunità per l’Italia

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

La digitalizzazione del processo e la prefabbricazione flessibile supportata dalle nuove tecnologie possono avviare una profonda trasformazione nel settore delle costruzioni, rendendolo più permeabile a pratiche tipiche dell’industria e della nuova manifattura. Questo cambiamento, già in atto in diversi paesi, ha dimostrato di saper apportare un aumento di efficienza nel settore immobiliare potenzialmente straordinario. È questo il messaggio di REbuild 2016, la due giorni organizzata da RE-Lab, che quest’anno ha ricevuto il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico

Appuntamento a Riva del Garda il 21 e 22 giugno 2016 per capire quali saranno le sfide e le opportunità, i ruoli e i nuovi mestieri che gravitano intorno alla filiera dell’edilizia, dal progetto alla manutenzione.

A livello europeo ed internazionale il profondo cambiamento è già avviato. Imprese internazionali come Skanska, BAM o Laing O’Rourke hanno già acquisito non soltanto una solida capacità ingegneristica e digitale in grado di controllare l’intero processo, ma anche una nuova organizzazione industriale fortemente basata sull’industrializzazione, sull’efficienza (non solo energetica) e sul digital manufacturing. REbuild 2016 si propone come luogo di consapevolezza ed approfondimento, con l’obiettivo di favorire politiche capaci di rendere protagonisti su questi terreni anche i soggetti italiani, creando quindi le basi per un settore “a prova di futuro”.

La due giorni di Riva del Garda metterà in luce esperienze di successo, nella convinzione che la trasformazione in atto non solo abiliterà nuovi percorsi per la rigenerazione delle città ma porterà spazi di crescita e redditività per l’intera filiera.

 Si parlerà di BIM e di gestione digitale del processo, delle nuove possibilità aperte dall’uso della prefabbricazione nella riqualificazione, della realtà virtuale che sostituisce lo standard pianta-prospetto-sezione nella comunicazione del progetto e delle nuove piattaforme che intercettano la domanda diffusa di riqualificazione. “Con costi e marginalità radicalmente diversi, le imprese oggi possono affrontare ambiti di mercato che sarebbero altrimenti inaccessibili” commenta Thomas Miorin, fondatore di REbuild e presidente di RE-Lab. “Il cambio di passo riguarda tutti: dall’impresa di costruzioni tradizionale che ha chiara la necessità di un cambiamento, ai progettisti che sono alla ricerca di nuove forme di interazione con la produzione e la domanda, alla finanza che non può limitarsi ad aspettare il ritorno a condizioni di crescita ancora lontane” spiega Ezio Micelli, presidente del Comitato scientifico di REbuild.

Industrializzazione e tecnologia, progettazione ed efficienza energetica, sono temi affrontati anche in Italia da aziende che gravitano nel mercato delle costruzioni. Tra queste si distingue Manni Group, realtà industriale leader internazionale nella lavorazione dell’acciaio, che sarà presente a Riva del Garda. Ad oggi la Holding, che ha base a Verona, conta 12 società operative, 23 centri di produzione, servizi e distribuzione nel mondo, 1000 dipendenti, un fatturato che sfiora i 500 milioni di euro e oltre 10mila clienti. “La necessità di costruire e riqualificare l’esistente in ottica Nzeb è una grande opportunità per ripensare i nostri modelli e investire nella ricerca di tecnologie per una nuova generazione di edifici – afferma Enrico Frizzera, AD Manni Group. Attraverso le nostre aziende dedicate alle strutture in acciaio, ai pannelli isolanti e all’efficienza e all’energia da fonti rinnovabili, stiamo sviluppando un approccio sempre più integrato che affianca all’ingegneria delle costruzioni anche quella dell’efficienza e della sostenibilità. In questo senso si muove anche la collaborazione avviata con Officinae Verdi, società leader nella sostenibilità e nell’efficienza energetica. Ci aspettiamo che REbuild inneschi un processo concreto di innovazione in questa direzione”.

Building Future è il payoff dell’azienda manifatturiera che si è confrontata operativamente con la prefabbricazione ed è anche uno dei messaggi di REbuild 2016. Manni è un caso concreto che conferma il posizionamento dell’Italia come seconda potenza manifatturiera europea. Più in generale, dalla filiera dell’edilizia una visione di futuro sostenibile dal punto di vista etico, ambientale ed economico.

Articoli correlati
Passaggio da Edile ad Edile – Architettura: è diverso l’Esame di Stato
In questi giorni diversi studenti del cdL in Edile V.O., interessati a trasferirsi nel cdL in Edile ...
Denis Diderot: Prospectus dell'Encyclopédie
L’evento rappresenta il Preludio alle celebrazioni dell’Anno Diderottiano che si terranno nel 2013 a...
L’ordine degli ingegneri e l'obbligo della formazione
A partire dal 1 gennaio 2014 anche gli Ingegneri sono “obbligati” a formarsi per poter esercitare ...
Ecomuseo della Valle d'Itria diventa di interesse regionale
Assessore Barbanente: "Così si valorizza la memoria storica, l’identità collettiva e il patrimo...
Rifare paesaggi. Quattro architetti propongono la loro idea di città
Quattro architetti e paesaggisti di Lisbona, titolari degli studi più noti a livello internazional...
Edifici a energia quasi zero in Lombardia dal 1° gennaio 2016
L’Associazione per la tutela della finestra made in Italy saluta con soddisfazione l’anticipo al 201...
Gli effetti della corrosione sulle strutture in acciaio: il metodo suggerito dall’Eurocodice 3
Gli effetti della corrosione sulle strutture in carpenteria metallica possono essere notevoli e, spe...
ANCE: EDILIZIA, SEGNALI POSITIVI DA CREDITO E OCCUPAZIONE MA LA RIPRESA NON CI SARÀ PRIMA DEL 2016
Il settore delle costruzioni mostra alcuni segnali di risveglio in Veneto, sebbene resti ancora lo...
ANCE: 700 MLN DI AGGIUDICAZIONI NEL 2014, OPERE PUBBLICHE AL MINIMO STORICO
Lotta alla corruzione, la riforma degli appalti lascia irrisolti molti nodi. Le modifiche del govern...