Pericolosamente più sicuri

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Dopo “Pericolosamente sicuri“, siamo lieti di presentare il nuovo volume di Gianluca Giagni, dal titolo “Pericolosamente più sicuri“, utile, efficace, completo, per capire, analizzare e approfondire le varie situazioni di emergenza al fine di prevenire, gestire e attuare le necessarie azioni di miglioramento. Costruzioni.net presenterà il volume venerdì 18 novembre 2016, alle ore 19,00, presso la Libreria Campus di Bari, via Toma 76-78.

Sarà presente l’autore Gianluca Giagni, introdurrà Caterina Rinaldo, giornalista e vicedirettore di Costruzioni.net, portale dedicato all’edilizia, all’ingegneria e all’architettura.

Segui l’evento su fb

La libreria Campus di Bari in collaborazione con il portale Costruzioni.net organizza venerdì 18 novembre 2016, alle ore 19,00, un incontro con Gianluca Giagni, ingegnere esperto in materia di sicurezza, per presentare il secondo volume della collana, edita da Viverein, dedicata al tema della sicurezza e della gestione delle situazioni di pericolo.

Il volume intitolato “Pericolosamente più sicuri” segue il precedente lavoro Pericolosamente sicuri,  pubblicato nel 2015, in cui si analizzavano alcuni aspetti riguardanti la prevenzione sui luoghi di lavoro, distaccandosi dalla semplice retorica di un manuale di cantiere e guardando maggiormente all’approccio che ciascun individuo ha verso il rischio.

Il volume, adottato nei corsi di Sicurezza negli impianti industriali e Sicurezza negli ambienti di lavoro, rispettivamente del Politecnico di Bari e dell’Università della Tuscia, si propone come una riflessione aggiornata e lucida sulla situazione della sicurezza.

Questo libro – scrive Giagni nella premessa – nasce da una riflessione maturata a cavallo tra New York e L’Aquila, lì dove si sono verificati due tragici eventi molto diversi tra loro: il primo di natura terroristica, il secondo di natura calamitosa”.

È proprio a New York che l’autore nota la perfetta macchina organizzativa creata per gestire gli eventi e contrastare qualsiasi possibile emergenza, ma è anche in quella occasione che si rende conto di cosa voglia dire avere paura di un evento spiacevole e di come questo aspetto chiami in causa l’individuo, la sua percezione del rischio che la memoria associa ad un evento già accaduto.

Che cos’è l’emergenza ? Qual è il modo migliore di affrontarla e, soprattutto, quanto conta l’aspetto umano ?

Le persone tendono a ritenere più probabile un evento se hanno memoria di ciò che può accadere quando questo si verifica,  scrive Sunstein. Così, ci si sente più sicuri in un ambiente che si conosce bene, dove la confidenza maggiore è data dalla conoscenza del tempo trascorso, ma è proprio lì nella crescente sicurezza alimentata dalla disinformazione e da una fragile cultura della prevenzione che si cela il pericolo.

fb: Pericolosamente più sicuri

Gianluca Giagni

Ingegnere, laureato presso il Politecnico di Bari, si occupa di sicurezza sul lavoro e sui cantieri mobili e temporanei dal 2002. Iscritto all’elenco del Ministero degli Interni come tecnico specializzato ai sensi della legge 818/84 e D.M. 25.03.85 in prevenzione incendi è consulente e RSPP presso aziende pubbliche e private, sia in ambito regionale che nazionale. RSPP della Guardia di Finanza per la regione Veneto, segue da vicino le problematiche presenti nelle attività lavorative quotidiane e il grado di sensibilità di ognuno verso una cultura della sicurezza distante dagli spazi e dalle azioni comuni. Ha partecipato nel corso degli anni a diverse attività didattiche in materia di sicurezza sul lavoro quale docente presso il Politecnico di Bari, l’Università degli Studi di Bari, l’Università della Tuscia, Uni.Versus-Consorzio Universitario per la ricerca e l’innovazione, Formedil, Ispesl; già centro di formazione convenzionato Anfos dal 2010, nel 2015 si accredita come docente ed ente di formazione convenzionato Addestra. Ha partecipato a numerosi seminari e convegni nazionali, presentando pubblicazioni in materia di sicurezza, impiantistica e risparmio energetico. Ha coordinato attività di ricerca e tirocini formativi con il Politecnico di Bari in materia di valutazione dei rischi aziendali. Nel 2015 ha pubblicato il testo “Pericolosamente sicuri” per la casa editrice Viverein.

© Costruzioni.net  2016 – riproduzione riservata.

Articoli correlati
Hortus conclusus | giardino planetario
… Il torrente impetuoso che scende dalle montagne va a perdersi nei precipizi, ma la più piccola goc...
Lo spazio pubblico ai tempi della crisi: "Viaggio nei comuni delle buone pratiche"
Call for practices All’appuntamento dellla seconda edizione della Biennale del 2013 si vuole giun...
Conservare il futuro Il pensiero della sostenibilità in architettura
Il tema della sostenibilità ambientale è quanto mai attuale. La terra non ci appartiene - dice Ruski...
Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e marmore nella basilica di San Pietro in Vaticano
All’interno della basilica pietrana a Roma sono oggi conservate, come in un prezioso scrigno, undici...
Storie in discreto disordine. Architetture immaginarie e luoghi della memoria collettiva
Mostra di fotomontaggi e opere di Antonio Labalestra A cura di Caterina Rinaldo Martedì 10 dicem...
DOCUMENTARIA dieci giornate di incontri e seminari sulla fotografia contemporanea
L’associazione LAB - Laboratorio di Fotografia di Architettura e Paesaggio, in collaborazione con al...
Luca Meda, la felicità del progetto
La Triennale di Milano dedica una mostra al progettista e designer del Gruppo Molteni. La mostra in...
Icone del Design Italiano
Triennale Design Museum presenta negli spazi del CreativeSet un nucleo di icone dalla Collezione Per...
Sognatore di opera grave. Tra leggerezza della pietra e gravità del pensiero
Presentazione del volume di Antonio Labalestra, “Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e...