Impianto Fotovoltaico condominiale – Parte 2

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

di Ing. Mario MANCINI

Dopo oltre 6 anni dall’entrata in funzione del nostro impianto fotovoltaico condominiale da 9,45 Kwp descritto nei particolari in un precedente articolo al link:

http://lnx.costruzioni.net/2011/04/impianto-fotovoltaico-condominiale/  è il caso di fare un bilancio sulla convenienza di quanto abbiamo messo in atto.

Ricordo che è forse uno dei pochi esempi di un impianto in cui i condomini non hanno sborsato un euro per la sua installazione, ciò è stato possibile grazie a un finanziamento bancario di euro 37.000 al tasso fisso allora vicino al 7% da restituire in 96 mesi che ha permesso al Condominio di entrare nel mondo dell’energia verde.

Se vogliamo parlare di cifre l’impianto era stato progettato per avere mediamente una produzione annuale di circa 11-12.000 Kw che corrispondeva ai consumi medi avuti in Condominio nei 3-4 anni precedenti all’installazione.  Con un’accorta politica di risparmio energetico installando lampade nelle scale fluorescenti da 18W e altre a risparmio energetico nei cortili e spazi esterni regolate nell’orario di accensione e spegnimento con orologio e crepuscolare oltre che da interruttori per spegnimento durante il giorno ai piani alti, il Condominio è sceso drasticamente nei suoi consumi a circa 8.200 Kw annui con un decremento di circa il 30%, mentre la produzione totale dell’impianto FV dopo 76 mesi di esercizio si è attestata a 77.000 Kw a fine giugno, mediamente oltre 12.000 Kw annui, con un consumo registrato nello stesso periodo di circa 52.000 Kw.

Questo per quanto riguarda i dati di produzione e consumi, vediamo in termini economici.

Dal contratto stipulato con il GSE per lo “scambio sul posto” il Condominio ha incassato finora circa 35.400 euro, nonostante il Decreto spalma-incentivi che ha dilazionato gli incassi in un più lungo periodo, versando alla Banca per lo stesso periodo l’equivalente dei ratei del mutuo avuto per un totale di euro 38.500, quindi con un piccolo disavanzo da bilanciare per soli 3.100 euro.

Il costo delle bollette per energia elettrica condominiale che comprende illuminazione scale, androne e cortile oltre la forza motrice per i due ascensori è stata lo scorso anno di circa 1.800 euro, scesa progressivamente dai circa 3.400 euro dei primi anni per l’autoconsumo e con le attenzioni e i provvedimenti presi per abbattere costi e consumi che ora potrebbero essere ulteriormente ridotti quest’anno con l’inserimento di lampade al LED da 9 W al posto delle fluorescenti da 18 W e altre a risparmio energetico di ultima generazione.

Da considerare che a settembre del prossimo anno il Condominio estingue il debito con la Banca dovuto al mutuo che aveva preso per installare l’impianto FV e senza questa spesa di oltre 5.000 euro annui ci sarà solo un’entrata senza spese a favore dei condomini che varrà ancora per 12 anni e potrà essere destinata ad opere di manutenzione e abbellimento del Condominio stesso.

A Voi giudicare se abbiamo fatto un buon investimento.

Per eventuali ulteriori informazioni gli interessati possono inviare mail a: mancini.ingmario@libero.it

Articoli correlati
Burj Dubai: il grattacielo dei record
di ing. Mario MANCINI da Abu Dhabi – Emirati Arabi Uniti Tanto è stato scritto nel corso di questi ...
Il verde e la riqualificazione degli spazi pubblici
Nell'ambito della manifestazione Primavera Mediterranea - Architettura verde città, che si è svolta ...
Squinzi in Giunta per sostenere i prefabbricatori italiani
Il 18 gennaio ASSOBETON, l’Associazione Nazionale Industrie Manufatti Cementizi aderente a Confindus...
Il palazzo Barone Ferrara
In occasione delle XXI giornate FAI di primavera, sarà aperto al pubblico uno storico edificio sul c...
DENSITA’ IN_MATERIALI
 a cura di Paolo Marzano Alla GX Gallery di Denmark Hill 43, a Londra, Daniele Dell’Angelo Custode ...
Antonio Labalestra. Storie in discreto disordine
“In questo libro, regnano, invece, in discreto disordine, ricordi di luoghi e cose abbandonate, fr...
Smart Cities Challenges: Planning for Smart Cities
Il 10 settembre scade il termine per l’invio degli articoli. La Rivista TeMA, nata nel 2007, è una ...
Sognatore di opera grave. Tra leggerezza della pietra e gravità del pensiero
Presentazione del volume di Antonio Labalestra, “Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e...
IL PAESAGGIO COME CAMPO DI STUDIO E RICERCA AL POLITECNICO DI TORINO
Un accordo tra l’Ateneo e l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio vede la sua prima at...