Con gli stipendi medi di Milano e Firenze si può affittare un appartamento poco più grande di 30 metri quadrati

A Catanzaro una persona sola può permettersi oltre 80 metri quadri

Milano, febbraio 2018 – Stando ai suggerimenti degli esperti, per una corretta gestione del proprio patrimonio la spesa per l’alloggio non dovrebbe superare il 28% delle proprie entrate. Ma se gli italiani seguissero alla lettera questa regola d’oro, in quanti metri quadri riuscirebbero a vivere in affitto? Secondo uno studio di Immobiliare.it (https://www.immobiliare.it) nelle città di Milano e Firenze una persona da sola potrebbe permettersi poco più di 30 metri quadrati (rispettivamente 33 e 32).

L’analisi* ha preso in considerazione la RAL media percepita nei venti capoluoghi di regione e ha incrociato il dato, al netto delle imposte fiscali e previdenziali, con i costi medi degli affitti rilevati in città. Nonostante la retribuzione lorda record (34.330 euro), a Milano un lavoratore dovrebbe accontentarsi di un appartamento da 33 metri quadri, per una spesa mensile pari a 537 euro, la più elevata a livello nazionale. Maggiore è lo scompenso registrato a Firenze: qui la RAL media supera i 30mila euro, cifra che permette di pagare un canone per una casa di appena 32 mq (470 euro al mese).

Va meglio, seppure di poco, a chi sceglie la Capitale. A Roma la retribuzione lorda annua è pari mediamente a 29.977 euro che, a fronte di prezzi al metro quadro pari a 13,77 euro, consentono di sostenere la locazione di un appartamento da 34 metri quadrati.

Scorrendo l’elenco dei venti capoluoghi, si trova un pari merito fra Venezia e Napoli, dove i lavoratori più parsimoniosi, che non vogliono spendere oltre il 28% del proprio reddito per pagare casa, possono permettersi al massimo abitazioni da 40 metri quadrati. Non molto distante la possibilità di chi vive a Bologna, dove nonostante una RAL media che supera i 30mila euro, le spese per l’affitto coprono fino a 43 metri quadrati (per un canone medio di 488 euro al mese).

Non superano i 50 metri quadrati le abitazioni che, secondo questa modalità di calcolo, i lavoratori possono affittare a Trento e Cagliari (rispettivamente 45 e 49 mq).

Sono certamente migliori le condizioni di chi sceglie di lavorare a Campobasso e Catanzaro. Anche se qui le RAL sono inferiori a confronto della media nazionale, pari rispettivamente a 26.197 euro e 25.603 euro, i costi bassi delle locazioni consentono di potersi permettere appartamenti da 73 e 82 metri quadrati.

«Non è un caso che, soprattutto nelle grandi città come Milano, Firenze e Roma, i lavoratori abbiano eletto la condivisione come una delle forme abitative predilette – spiega Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it Sempre più fuori sede preferiscono un appartamento in buone condizioni e in una zona centrale da dividere con una seconda persona, piuttosto che affittare un monolocale in periferia, lontano dai principali punti di riferimento della città».

Di seguito la tabella con i venti capoluoghi di regione italiani, la RAL media, il canone d’affitto pari al 28% dello stipendio (al netto della pressione fiscale) e i metri quadri corrispondenti:

Regione Capoluogo RAL media Rata affitto mensile (28% della retribuzione netta) Metri quadrati accessibili
Abruzzo L’Aquila € 28.327 € 443 68
Basilicata Potenza € 24.951 € 390 62
Calabria Catanzaro € 25.603 € 400 82
Campania Napoli € 27.115 € 424 40
Emilia Romagna Bologna € 31.232 € 488 43
Friuli Venezia Giulia Trieste € 30.346 € 474 60
Lazio Roma € 29.977 € 469 34
Liguria Genova € 31.792 € 497 64
Lombardia Milano € 34.330 € 537 33
Marche Ancona € 28.501 € 446 56
Molise Campobasso € 26.197 € 410 73
Piemonte Torino € 30.084 € 470 58
Puglia Bari € 26.525 € 415 51
Sardegna Cagliari € 27.992 € 438 49
Sicilia Palermo € 27.293 € 427 64
Toscana Firenze € 30.044 € 470 32
Trentino Alto Adige Trento € 29.293 € 458 45
Umbria Perugia € 25.729 € 402 54
Valle d’Aosta Aosta € 28.708 € 449 59
Veneto Venezia € 28.818 € 451 40

 

*Lo studio ha preso a riferimento le RAL medie del JP Geography Index 2017 di JobPricing, da cui ha detratto una pressione fiscale media pari al 33%. I prezzi immobiliari sono relativi all’ultimo osservatorio del portale, basato sui dati di dicembre 2017.

 

Ufficio Stampa Immobiliare.it
Federica Tordi, Giulia Rabbone

Articoli correlati

URBANISTICA MODERNA: LE ORIGINI
di Filippo Salvatore CARLO Le origini dell’ urbanistica moderna si potrebbero ricercare in alcune s...
Il degrado del cemento
Il danneggiamento delle opere cementizie rappresenta un inevitabile evento proprio della vita stessa...
L'architecture assassinèe
Tutto lo sporco degli anni ’90 con la tecnologia degli anni ’70 Incontro con ANTONIO LABALEST...
Il verde e la riqualificazione degli spazi pubblici
Nell'ambito della manifestazione Primavera Mediterranea - Architettura verde città, che si è svolta ...
Rivisitazioni a cielo aperto, dieci fotografi per Polignano a Mare
Mostra a cielo aperto di fotografia per la promozione delle risorse territoriali Giovedì 12 luglio ...
Scienza delle costruzioni: il saggio di Alfredo Sollazzo
fonte: Azione Universitaria Politecnico L'Arte del Costruire, nata agli albori della civiltà, si è ...
Luca Meda, la felicità del progetto
La Triennale di Milano dedica una mostra al progettista e designer del Gruppo Molteni. La mostra in...
Progettare dall'ecosistema. Una lectio di Alberto Magnaghi su codici genetici e statuti del territor...
Venerdì 19 Dicembre 2014, ore 17,00,  presso la Biblioteca Finia in piazza Notar Domenico a Gravina ...
Torino capitale mondiale della fisica dell’edificio per la 6th INTERNATIONAL CONFERENCE ON BUILDING ...
15-17 giugno 2015, Politecnico di Torino. Torino, 11 giugno 2015 – Sono oltre 600 i delegati proven...
Mercato del calcestruzzo: ritorno agli anni sessanta
È una amara realtà quella che emerge dalle analisi sul mercato del calcestruzzo in Italia contenute ...

Share