Il Metodo dell’analisi del valore a supporto delle scelte compatibili con l’ambiente

Sommario

La velocità dei cambiamenti in atto, anche in rapporto all’evoluzione delle situazioni sociali ed economiche e la complessità dei fenomeni da analizzare e valutare allorché si tratti di affrontare interventi ecosostenibili, richiedono di sviluppare la cultura dell’attività interdisciplinare di gruppo e di formare coloro che siano chiamati a coordinare i gruppi di lavoro. Da qui la proposta di ricorrere in tutte le fasi del processo: Programmazione con Studi di Fattibilità, Progettazione, Realizzazione e Gestione nella vita utile programmata, all’Analisi del Valore (AV) e di assumere come parametro unico numerico omnicomprensivo: l’Indice di Valore, rapporto tra l’utilità dell’entità proposta ed il costo globale relativo alla produzione e alla gestione nella vita utile ipotizzata

INTRODUZIONE

L’Analisi del Valore, ideata da Lawrence D. Miles nel 1943 e normata in ambito europeo da: UNI EN 1325:2014 Analisi del Valore (AV) – UNI EN 16271:2013 Analisi Funzionale (AF) – UNI EN 12973:2003 Gestione del Valore (GV), consente di misurare la “Qualità”, ovverosia di soddisfare le comprovate esigenze per tutti gli attori in gioco tenendo conto delle risorse economiche di cui c’è necessità per tutto il periodo di tempo preso in considerazione (vita utile ipotizzata). Le applicazioni più recenti condotte nell’ambito del CeSAV, Centro Studi per l’Analisi del Valore, nell’ambito del Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università di Pisa, sono state volte a mettere a punto un metodo per determinare i costi standardizzati delle opere pubbliche, per stimare le offerte economicamente più vantaggiose in caso di gare per lavori pubblici e per verificare l’esistenza delle condizioni per eventuali operazioni di Finanza di Progetto (Project Financing), evidenziando, in questo caso, i possibili ritorni economici nel tempo e giustificando così la spesa di investimento, in un equilibrio che vede assumere come incognita da determinare, il periodo di tempo di affidamento in gestione delle attività, delle funzioni e/o dei servizi da offrire.

Per affrontare il tema della sostenibilità ambientale in una ottica pragmatica, così come occorre fare negli Studi di Impatto Ambientale da effettuarsi, per esempio, negli Studi di Fattibilità e nei Documenti preliminari all’avvio della progettazione, l’Analisi del Valore consente di esprimere soluzioni alternative rispetto a quella originariamente messa a disposizione del gruppo di lavoro, di valutare l’una e le altre alla ricerca di creare valore e di sviluppare e presentare a coloro ai quali competono le scelte (decisori) le soluzioni in ordine di priorità proprio in base al rapporto utilità/costo globale, agendo il gruppo a supporto delle decisioni.

L’INDICE DI VALORE NELLE SCELTE CONNESSE ALLE CONDIZIONI DI ECOSOSTENIBILITA’

Nella programmazione e nella progettazione degli interventi sul territorio è necessario un approccio interdisciplinare coordinato onde evitare che i molteplici aspetti vengano affrontati separatamente, incorrendo in situazioni difficilmente riconducibili ad unità. Il gruppo di persone competenti, coordinato da un esperto AV, viene condotto a ragionare in termini funzionali, ad informarsi e ad effettuare l’analisi funzionale di una entità sottoposta all’attenzione del gruppo AV e ad esprimere, nella fase creativa, soluzioni alternative. Successivamente si passa alla valutazione della soluzione originariamente analizzata e a quelle espresse dal gruppo mediante l’Indice di Valore, al quale vengono ricondotti tutti i parametri espressi in itinere dal gruppo di lavoro.

Iv = Us/Cg

Us: l’Utilità delle funzioni conseguenti al rispetto delle condizioni per la sostenibilità ambientale

Cg:il Costo globale derivante dal poter esplicare le funzioni considerate, somma del costo di produzione, del costo di gestione nella vita utile ipotizzata in fase di Programmazione e del Costo di dismissione, allorché prevalga sul Valore residuo.

L’Indice di Valore è quindi il parametro di sintesi che consente, per esempio, nel caso di opere pubbliche di valutare l’utilità anche in ordine al comportamento dell’opera nel tempo, mettendo in conto il costo di manutenzione programmata, il costo energetico, ecc.

Condizione essenziale per il successo è che a giudicare sia un gruppo significativo nel numero e nelle competenze in rapporto alla natura e alla complessità dell’entità da stimare e che il gruppo di lavoro operi per fasi di attività realmente interdisciplinare (tutti al medesimo tavolo), sotto il coordinamento di un esperto AV.

L’AIAV, Associazione Italiana per la Gestione e l’Analisi del Valore, sta incoraggiando la formazione dei Responsabili di Procedimento esperti AV, tramite Corsi di aggiornamento per laureati.

Già presente nell’ordinamento dei lavori pubblici che ebbe alla base la Legge 109 del 1994, e più precisamente nell’articolo 15 del regolamento generale e nell’articolo 11 del capitolato generale di appalto, l’Analisi del Valore è stata resa obbligatoria in base all’articolo 15 della Legge Regionale Veneto, 7 novembre 2003, n. 27 (in Bur 11 novembre 2003 n. 106: Disposizioni generali in materia di lavori pubblici di interesse regionale e per le costruzioni in zone classificate sismiche) nella verifica e nella validazione del progetto effettuate dal responsabile del procedimento, per i lavori di speciale complessità o di particolare rilevanza sotto il profilo tecnologico. In essa si legge che «la validazione del progetto deve dare atto, certificandola, che la progettazione è stata effettuata mediante l’impiego della tecnica dell’analisi del valore».

Nella fase di Programmazione degli interventi, in Studi di Fattibilità (SdF) ed in Documenti preliminari all’avvio della progettazione (Dpp) che abbiano tra gli obiettivi la previsione del massimo sfruttamento possibile delle condizioni ambientali, di sicurezza e qualitative, attraverso l’attribuzione di pesi ai requisiti di carattere ambientale, l’Indice di Valore viene determinato evidenziando il grado di rispondenza delle prestazioni dell’entità presa in esame alle funzioni da essa esplicate. Le attività svolte in successione sono del tipo:

  • acquisire elementi utili ad individuare gli effetti ambientali;
  • favorire la crescita di servizi finalizzati al sostegno del sistema di sviluppo sostenibile;
  • sollecitare e sostenere l’orientamento organizzativo all’integrazione delle politiche produttive;
  • sollecitare le aziende del territorio a caratterizzare la tutela ambientale;
  • difendere i siti e le aree da inquinamenti ed interferenze esterne;
  • collegare la sicurezza ad altri requisiti che non possono non prescindere da una sua analisi globale: qualità ed ambiente;
  • ………………………………………………………………….

La definizione di uno strumento operativo necessita ovviamente di alcune basi teoriche ben precise. Nell’ambito di un sistema edilizio ambientale significativo, il concetto di sostenibilità viene assunto come capacità di un intervento di essere compatibile con la natura, con l’ambiente e con il paesaggio oltre che di rispettare gli indotti sociale ed economico in forma integrata. Gli spazi della ricerca di queste condizioni, che variano nel tempo al variare degli elementi che li determinano, si alzano ovviamente allorché si tratti di intervenire in contesti come quello della Selva Pisana, recentemente riconosciuta Riserva della Biosfera. nel programma M.A.B. (Man and the Biosphere) promosso dall’UNESCO.

Da quanto espresso risulta la possibilità di introdurre l’Indice di Valore come Indice di Sostenibilità.

In questi ultimi cinque anni sono cambiate molte cose anche tra le procedure di realizzazione degli interventi edilizi, con l’introduzione dell’attestazione di conformità delle costruzioni (DIA), comportando una maggiore responsabilità del progettista nella autoverifica dei requisiti urbanistici, architettonici e tecnici del proprio operare. Servono dunque più che mai un metodo e tecniche operative rigorose che consentano di promuovere interventi non più basati su norme di tipo non prescrittivo, bensì prestazionale, lasciando spazio alla creatività di chi è chiamato a proporre soluzioni, purché siano stati offerti con chiarezza i necessari dati di ingresso in fase di programmazione. Quella della norma prestazionale è infatti la via che offre spazio all’innovazione, non suggerendo modelli e soluzioni che potrebbero rivelarsi sempre più rapidamente superati dall’evoluzione tecnologica, da ancorarsi sempre e comunque ad una visione globale che consenta di soddisfare tutte le classi di esigenze.

classi di esigenze di cui alla norma UNI 8289:1981

 Sicurezza

Insieme delle condizioni relative all’incolumità degli utenti, nonché alla difesa e alla prevenzione dei danni dipendenti da fattori accidentali nell’uso del servizio

 Benessere

Insieme delle condizioni relative a stati dell’ambiente interno adeguati alla salute e allo svolgimento delle attività degli utilizzatori

 Fruibilità

Insieme delle condizioni relative all’attitudine del sistema ad essere adeguatamente utilizzato nello svolgimento delle attività

Aspetto

Insieme delle condizioni relative alla fruizione percettiva del sistema

 Gestione

Insieme delle condizioni relative all’economia di esercizio del sistema

Integrabilità

Insieme delle condizioni relative all’attitudine dei componenti che costituiscono il sistema a connettersi funzionalmente tra di loro

 Salvaguardia dell’ambiente

Insieme degli aspetti connessi al sistema per assicurare il mantenimento o il miglioramento delle condizioni ambientali

 CONDIZIONI AMBIENTALI PER L’ECOSOSTENIBILITÀ

rendendo a riferimento quanto emerso da esperienze in atto, vengono di seguito elencate in forma sintetica condizioni ambientali volte a programmare, progettare e realizzare interventi ecosostenibili:

Integrazione ambiente/costruzione

L’uso vantaggioso delle condizioni climatiche locali, quali la ventosità, l’orografia, la piovosità, le escursioni termiche annue e mensili, ecc. deve essere promosso assieme all’uso delle risorse naturali disponibili, comprendendo prodotti e materiali e fonti energetiche.

 Ricorso a componenti costruttivi compatibili

Le scelte tecnologiche e tecniche non devono essere causa di negativi impatti ambientali diretti (esempio, rilascio nell’ambiente di sostanze nocive) ed indiretti, relativi cioè alla produzione di sostanze nocive e al consumo di risorse non rinnovabili nel restante ciclo di vita del prodotto. Il ricorso a materiali di tipo bioecologico costituisce un elemento di garanzia per la sostenibilità ambientale dell’intervento.

Adozione di fonti energetiche rinnovabili e risparmio energetico

La limitazione dei consumi energetici in edilizia (un settore che in Italia assorbe circa il 35% dell’attuale domanda complessiva) implica non solamente l’uso di risorse rinnovabili, ma anche una più generale attenzione al comportamento passivo dell’edificio come criterio per una sicura sostenibilità energetica.

Compatibilità con il paesaggio

Le forme ed i colori del paesaggio locale percepito costituiscono una grande risorsa che deve essere tutelata mediante il ricorso a scelte tipologiche adeguate, ad un corretto rapporto pieni-vuoti, a colori e tessiture dei materiali in assonanza con l’esistente o comunque studiati in modo da valorizzare il rapporto con il contesto.

Implicazioni sociologiche

Fattore che merita una trattazione specifica in quanto gli interventi sul territorio “fanno parlare la gente” e rappresentano un mezzo di comunicazione di idee, principi, emozioni che possono influenzare il contesto sociale e culturale. Questi fatti, noti fin dall’antichità oggi sono spesso trascurati dai progettisti che ricorrono a linguaggi autoreferenziati, senza sforzarsi di attingere ad un patrimonio semantico e simbolico dell’architettura.

Buon comportamento delle opere nel tempo

Pensare ad una costruzione in funzione della gestione nella vita utile ipotizzata va nella direzione per tener conto della sostenibilità di un’opera. E’ corretto progettare edifici di durata commisurata alla loro destinazione d’uso, ottenuti con interventi reversibili e costituiti da materiali e componenti riciclabili.

 CONCLUSIONI
Il metodo suggerito può essere utilizzato come strumento di supposto alle decisioni e alle scelte in ogni fase del processo e può essere assunto, per esempio, per la classificazione di programmi e progetti ai quali attribuire contributi e sgravi, avendone stimato il valore.

E’ importante considerare che il Valore può essere migliorato attraverso l’accrescimento dell’utilità e quindi in base alla soddisfazione dei bisogni anche se le risorse impiegate aumentano, nel caso in cui, la soddisfazione dei bisogni cresca più di quanto cresca l’impiego di risorse necessarie per poter esplicare le funzioni che offrono il servizio richiesto. Per questo motivo, nell’Indice di Valore è necessario prendere come riferimento il costo globale, comprendendo cioè nelle valutazioni i costi relativi alla gestione nella vita utile ipotizzata, affinché il sistema si mantenga efficiente. Non basta, infatti, considerare quanto costa produrre, ma sommare a questa componente quanto occorre per mantenere l’entità considerata in efficienza alle richieste prestazioni.

Norme Europee Gestione e Analisi del Valore

UNI EN 12973:2003   UNI EN 1325:2014  UNI EN 16271:2013

LEGGE REGIONE VENETO

LEGGE REGIONE VENETO 7 novembre 2003, n. 27 (in B.U.R. 11 novembre 2003 n. 106) – Disposizioni generali in materia di lavori pubblici di interesse regionale e per le costruzioni in zone classificate sismiche.

CAPO I
Disposizioni generali

Art. 1
Finalità.

  1. La Regione del Veneto, nell’esercizio della competenza legislativa di cui all’articolo 117, quarto comma della Costituzione e nel rispetto dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario, detta la disciplina generale delle procedure di programmazione, progettazione, approvazione, affidamento, esecuzione e collaudazione dei lavori pubblici di interesse regionale.

Omissis

…..

Art. 10
Verifica e validazione del progetto.

  1. La verifica e la validazione del progetto sono effettuate dal responsabile del procedimento, che si avvale degli uffici tecnici, secondo le modalità previste dalla normativa statale.
  2. La verifica e la validazione possono essere attribuite anche ad organismi di controllo accreditati ai sensi della normativa europea della serie UNI-CEI-EN 45000, nonché ad altri soggetti esperti in possesso di adeguata qualificazione, individuati, qualora l’importo dell’incarico sia inferiore alla soglia comunitaria, in soggetti di fiducia della stazione appaltante.
  3. Per i lavori di speciale complessità o di particolare rilevanza sotto il profilo tecnologico, la validazione del progetto deve dare atto, certificandola, che la progettazione è stata effettuata mediante l’impiego della tecnica dell’analisi del valore.

Pier Luigi Maffei

………………….

OMISSIS

 BIBLIOGRAFIA

Miles D.L., Techniques of Value Analysis and Engineering, Mc. Graw Hill, New York, 1972,

Dandri G., Costruire con l’Analisi del Valore, Edilstampa, Roma, 1993,

Caruso di Spaccaforno A., Interazione tra progettazione e valutazione nell’ottica della   qualità, Quaderno n.5, DISET, Politecnico di Milano, 1995

Maffei P.L.,L’Analisi del Valore per la Qualità del Progetto Edilizio, IlSole24Ore, Milano, 1999

Maffei P.L., Il concetto di valore nell’architettura tecnica, Il Sole24Ore, Milano, 2001

Maffei P.L. e altri, Functional rehabilitation Design of a Multy-Storey Train Coach: Meet today User Needs by Value Analysis Approach, SAVE International Conference, Colorado 2002

Maffei P.L., Calvani F.: Programmare con l’Analisi del Valore, Il Giornale dell’edilizia n.3, 2002

Maffei P.L., Boccaccini R., Technological complexity and durability of ventilated lateritious façades, 9thDBCM International Conference, Proc., Brisbane (Australia) 2002

Calvani F., Marotta N., Basic needs and functional appearances of the building envelope. Recent progress on security and resistance to the fire, Atti del Convegno: Building envelopes as architecture’s messages, Napoli, 2003

Maffei P.L., Lorenzetti E., The system building and the subsystem facade, Atti del Convegno: Building envelopes as architecture’s messages, Napoli, 2003
Maffei P.L., Analisi del Valore, un metodo interdisciplinare per gestire le entità complesse nell’ottica di uno sviluppo sostenibile, Il Giornale dell’Edilizia, Milano 2005
Maffei P.L., Sotto la lente le classi di esigenze. Riferimento agli standard necessari per rapportare l’utilità dei progetti ai costi da sostenere, Edilizia & Territorio, n. 49,2004
Maffei P.L., Analisi del valore, ecco gli standard. Indicazioni utili per responsabili del procedimento, assicuratori e promotori di project financing, Edilizia & Territorio, n.3, 2005

Maffei P.L., Maffei S., Sustainable development, typological and technological innovation in the public residential building, Atti del XXXIV IAHS World Congress: Sustainable Housing Design, Napoli, 2006

Maffei P. L., Boccaccini R., 2002, La nuova sede: Nuova sede dell’Amministrazione Provinciale di Pisa nell’ambito del parco urbano di Cisanello – Linee guida per la progettazione, TEP, Pisa

Maffei P. L., 2003, “Metodo e strumenti per la determinazione dei costi standardizzati delle opere pubbliche in rapporto ai tipi di lavoro e alle specifiche aree territoriali”, Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici – Ed. Impero – Roma

Maffei P. L., 2003, Energia + Creatività, La Sterpaia, ETS. Ed. Pisa

Maffei P. L., Calvani F., 2003. Principi di Bioedilizia, Progetto e-learning TRIO, sito Internet, Prodotto Multimediale

Maffei P. L. e Altri, 2004, Libro dei Lions Club Livorno e Lions Club Pisa Host, La Stazione Radiotelegrafica “Guglielmo Marconi” di Coltano – Pisa, Ferrari Grafiche, Ed. Clusone (Bg)

Maffei P.L., Lorenzetti E., Maffei R., Massano E., 2010, Analisi del Valore. Terminologia e Definizioni, ETS Ed. Pisa

Maffei P.L.e Altri 2011, Il Territorio della Toscana Litoranea  Dip. Ing. Civile Univ. di Pisa, da Dell’Acqua A.C. e Altri, 2011 Tradizioni del costruire nel territorio nazionale, Alinea Ed. Firenze

Frolla A. 2013, Analisi del Valore un metodo di valutazione strategica, pagg. 92-96 Libro a cura di Calamita F., Metodologie di Progettazione Ambientale nei territori di margine, ETS Ed. Pisa.

 

Articoli correlati

Share