Houzz & Home 2019: Cresce la spesa per la ristrutturazione della cucina

I giovani  guidano il mercato delle ristrutturazioni. I proprietari di casa integrano la tecnologia intelligente.

Milano, 23 settembre 2019 – Secondo lo studio annuale Houzz & Home, la cucina è la stanza più ristrutturata del 2018 e quella per cui si è registrata una spesa maggiore. Infatti, la spesa mediana è aumentata dell’8% rispetto al 2017, con un budget dedicato di 6.500€. Lo studio è stato condotto su oltre 9.700 proprietari di casa in Italia iscritti ad Houzz. Tra gli altri spazi interni più ristrutturati troviamo il bagno, il soggiorno e la camera da letto (rispettivamente 25%, 16% e 15%).

Complessivamente, l’attività di ristrutturazione è stata fiorente per tutto il 2018, con oltre un quarto degli intervistati che ha dichiarato di aver ristrutturato la propria abitazione nel 2018 (28%), con una media di due stanze per progetto e una spesa mediana di 20.000€. Generazione X (45-54 anni) e Millennials (25-39 anni) rappresentano insieme oltre tre quarti dei proprietari che hanno ristrutturato casa (79%), con una spesa mediana rispettiva di 20.000€ e 30.000€. Simile alle aspettative degli anni precedenti, il 24% pianifica di avviare un progetto di ristrutturazione. La percentuale sale al 29% per i Millennials e al 46% per la Generazione X. 

“Nonostante ci siano stati ostacoli per l’economia globale e nazionale, l’attività di ristrutturazione ha mantenuto un buon passo nel 2018”, ha dichiarato Nino Sitchinava, Ph.D., Houzz Principal Economist. “I progetti accantonati/lasciati da parte negli anni precedenti vengono adesso finalmente messi in cantiere e guidano il mercato delle ristrutturazioni, mentre la crescita di spese non necessarie e prorogabili, come cambiare la cucina, sono un segno di nuova fiducia dei consumatori”.

La decisione di ristrutturare casa anziché acquistare un nuovo immobile è spinta principalmente da due ragioni: la volontà di restare nella propria casa e il desiderio di volerla personalizzare, con un maggiore ritorno sull’investimento. La volontà di rimanere nella casa in cui abitano è il più grande fattore decisionale per i Baby Boomer (55-74 anni) e per la Generazione X, mentre per i Millennials ristrutturare è considerata una scelta più conveniente dell’acquisto.

Come paghiamo i lavori di ristrutturazione

La metà dei proprietari di casa utilizza risparmi o fondi personali (50%), seguito a distanza dal pagamento con carta di credito utilizzabile ovunque (20%) e liquidità derivante da rimborsi fiscali o credito (13%). Si evidenzia anche come siano i Millennial a fare affidamento sulle carte di credito piuttosto che le generazioni precedenti.

Ingaggiare il giusto professionista

Nove proprietari su 10 hanno assunto un professionista nel 2018 (90%), con idraulici, elettricisti e imprese edili tra i più richiesti (rispettivamente 53%, 48% e 46%). Baby Boomer e Generazione X sono più inclini ad assumere un professionista rispetto ai Millennial (rispettivamente 94% e 90%, contro l’86%), ma il divario è sorprendentemente ridotto.

Fare scelte “Intelligenti”

Un proprietario di casa su sette in fase di ristrutturazione privilegia la tecnologia intelligente (15%), acquistando prodotti come assistenti vocali, lettori multimediali in streaming e termostati. Sorprendentemente, i Baby Boomer sono più propensi rispetto alla Generazione X o ai Millennial a considerare la tecnologia intelligente come una priorità (rispettivamente 19% contro 15% e 14%).

Massimizzare l’efficienza energetica

Mentre il miglioramento del design e della funzionalità dell’abitazione sono le principali priorità durante le ristrutturazioni, la metà dei proprietari di casa privilegia l’efficienza energetica (50%), sostituendo ad esempio le finestre e isolando meglio la proprietà. L’efficienza energetica è un aspetto che riscuote circa la stessa importanza tra le varie generazioni.

Il tocco finale

Nel 2018, la maggioranza dei proprietari che ha ristrutturato la propria abitazione ha anche decorato o arredato la propria casa nello stesso anno (70%). I Millennial sono molto più inclini a decorare casa dopo le ristrutturazioni domestiche rispetto ai Baby Boomer (77% contro il 58%), acquistando prodotti come grandi mobili per interni e lampade.

Lo studio Houzz & Home

L’indagine Houzz & Home è il più grande studio annuale riguardante le ristrutturazioni, costruzioni e arredi residenziali. Questa edizione si riferisce a una vasta gamma di progetti di rinnovamento realizzati nel 2018: dalle ristrutturazioni e ampliamenti d’interni alle integrazioni di impianti domestici, fino ai miglioramenti di esterni. I dati raccolti includono le spese affrontate in passato e quelle già pianificate, il coinvolgimento di professionisti, le motivazioni e le sfide che hanno influenzato i progetti completati di ristrutturazione e decorazione, nonché gli interventi previsti per il 2019. Hanno partecipato al sondaggio Houzz & Home 2019 più di 9.700 rispondenti italiani, facenti parte della community di oltre 40 milioni di utenti unici mensili provenienti dal sito e dalla app di Houzz.

Articoli correlati

Share