Campus Humanitas University: ultimato l’avanguardistico progetto con l’apertura delle nuove residenze

 

Il complesso dall’Humanitas University di Milano si completa con le residenze per studenti firmate dall’Architetto Filippo Taidelli dello studio FTA. Ricerca, educazione, accoglienza e sostenibilità per un modello di formazione all’insegna dell’eccellenza.

Pieve Emanuele (MI) | L’apertura delle residenze Mario Luzzatto Student House completa il Campus Humanitas University, il complesso della rinomata Facoltà Internazionale di Medicina e Chirurgia, Infermieristica e Fisioterapia che promuove un innovativo sistema di didattica.

Le nuove residenze, realizzate in un solo anno, sono firmate dall’architetto Filippo Taidelli dello studio FTA, responsabile anche della progettazione del Campus inaugurato nel 2017. Lo studio ha curato tutti gli aspetti di progettazione architettonica, interior e landscape, dando vita a un luogo all’insegna del risparmio energetico e della sostenibilità ambientale.

I servizi | La residenza per studenti del Campus si inserisce all’interno di un più ampio progetto di ateneo, che al proprio modello educativo fondato sull’integrazione tra didattica, ricerca e clinica, aggiunge anche ospitalità e servizi di formazione e sostegno allo studio. L’obiettivo è quello di offrire agli studenti un’accoglienza completa, moltiplicando le occasioni di incontro e contaminazione tra i diversi saperi e supportando a 360° non solo la formazione, ma l’intera esperienza educativa, favorendo l’integrazione e lo scambio tra i giovani di culture diverse.

Il progetto architettonico | L’edificio delle residenze degli studenti sorge a sud-est della piazza principale del Campus. Per sfruttare al meglio l’occupazione del suolo senza eccedere in altezza, la struttura è stata scomposta in due volumi compatti sfalsati: due importanti torri di 5 piani sono collegate tra loro da un corpo centrale più basso che ospita l’accesso principale. L’altezza inferiore e le trasparenze del volume centrale assicurano una permeabilità visiva attraverso il costruito verso il parco e i campi circostanti. Il piano terra è adibito alle funzioni comuni e caratterizzato da grandi porte finestre affacciate sul parco; ai piani superiori si trovano invece gli ambienti privati degli alloggi studenteschi, 62 appartamenti e 23 camere.
Sostenibilità | Le residenze si classificano come edificio green, avendo ottenuto la certificazione di classe energetica A. Gli spazi sono stati concepiti secondo i più moderni standard in termini di tecnologia e comfort ambientale; vengono impiegate fonti di energia rinnovabili (entrambi i tetti dei volumi ospitano pannelli fotovoltaici altamente performanti) e impianti di ventilazione meccanica controllata. Sistemi attivi come pompe di calore ad acqua di falda, riscaldamento a pannelli radianti a bassa temperatura e installazione di pannelli fotovoltaici in copertura hanno consentito l’ottenimento della classe energetica CENED A3, mentre orientamento e forma degli edifici contribuiscono in maniera determinante alla riduzione della dispersione di calore in inverno e, parallelamente, all’aumento dell’apporto solare nei mesi estivi.

Luogo: Pieve Emanuele (MI)

Committenza: Humanitas University Campus

Superficie coperta: 7400 mq

Budget: 11.750.000

Stato dei lavori: Consegnato al committente

Progetto: Architetto Filippo Taidelli – studio FTA

 

Photo Credits: Andrea Martiradonna

Articoli correlati

Share