Abu Dhabi: perche’ noi no !!!

di Ing. Mario MANCINI – ASTALDI SpA Mi vorrei ricollegare al mio precedente articolo scritto tempo fa sulla realta’ sconosciuta ai piu’ di Abu Dhabi, per insistere sulle tante e varie iniziative che qui negli Emirati si stanno portando avanti, ma che vedono una scarsa presenza della cultura italiana. Prendiamo ad esempio la popolarita’ che vivra’ Abu Dhabi, quest’anno a novembre, quando si avra’ il debutto sulla scena mondiale della prima gara di Formula 1…

Share
Leggi

TURCHIA – ISTANBUL – HALIÇ BRIDGE

di Ing. Mario MANCINI – ASTALDI SpA L’Astaldi si aggiudica Haliç Bridge per circa 147 mln di euro Dopo aver terminato uno dei lotti più difficili della Istanbul-Ankara con il tunnel di Bolu (3 km in doppia canna a tre corsie) ed essersi aggiudicati all’inizio dell’anno la linea metropolitana tra Kadiköy e Kartal, sulla costa asiatica, un contratto da 751 mln di euro insieme alle imprese turche Makyol (41%) e Gülermak (17%), arriva ora l’aggiudicazione…

Share
Leggi

Un interessante dettaglio costruttivo

Un interessante dettaglio costruttivo

Un interessante particolare di tecnica costruttiva muraria è evidenziato da questo frammento di muratura, recuperato in Vietri sul Mare, in via Mazzini, durante la demolizione di una volta di una abitazione, che presenta all’interno una serie di piccole anforette, chiaramente con funzione di alleggerimento della struttura muraria di cui faceva parte. Dal conglomerato della stessa volta, tra i numerosi interessanti frammenti ceramici, provengono due lucerne del tipo detto “paragnola” e due piatti smaltati bianchi con…

Share
Leggi

EAU – UNA REALTA’ … QUASI SCONOSCIUTA

di Ing. Mario MANCINI – Astaldi SpA Parliamo degli Emirati Arabi Uniti, forse ai più conosciuti per le isole nate dal mare di fronte a Dubai, o per lo scalo turistico-internazionale che ha per meta l’Oceano Indiano con le sue località più note come le Seychelles e Mauritius. Ma la maggior parte dei nostri concittadini ignorano cosa sta avvenendo in quei territori, soprattutto a Dubai prima e ora anche ad Abu Dhabi. In molti immaginano…

Share
Leggi

APERTURA AUTOSTRADA ANATOLICA

di Ing. Mario MANCINI – Astadi SpA 22/05/2007 – La settimana scorsa, contrariamente ad ogni piu’ ottimistica previsione, è stata aperta al traffico anche la seconda carreggiata dell’Autostrada Anatolica tra Istanbul e Ankara. In gennaio (vedi precedente articolo) era stata inaugurata la prima carreggiata con l’intervento congiunto dei Primi Ministri Erdogan e Prodi. Proprio in quella occasione le autorità turche chiesero di fare ogni sforzo possibile per cercare di poter asprire al traffico anche la…

Share
Leggi

AUTOSTRADA ANATOLICA

di Ing. Mario MANCINI – Astaldi SpA INAUGURAZIONE CARREGGIATA DESTRA LOTTO 2 26/01/2007 – In Turchia martedì 23 gennaio alla presenza del Primo Ministro turco Recep Tayyip Erdogan e del Presidente del Consiglio italiano Romano Prodi è stata inaugurata e aperta al traffico la carreggiata destra dell’ultimo lotto dell’Autostrada Anatolica tra Istanbul e Ankara di circa 25 km che l’ASTALDI sta completando e che sarà definitivamente consegnata all’Ente Appaltante entro l’anno per la completa apertura…

Share
Leggi

“PET- LAT” è il solaio leggero e sostenibile

Prof. Ing. Salvatore LO PRESTI Facoltà Ingegneria – Università di Palermo Presidente ASCI   “PET-LAT” è l’acronimo di solaio ecologico misto in calcestruzzo alleggerito con aggregato di polietilentereftalato (PET) e pignatte realizzate con lattine (LAT) di alluminio.Il nuovo solaio nasce da due distinte ricerche sperimentali condotte dallo scrivente e finalizzate all’impiego nell’edilizia di risorse provenienti dal riciclaggio di rifiuti solidi urbani; le ricerche hanno prodotto tre distinti brevetti: la prima ha condotto alla creazione dell’aggregato…

Share
Leggi

Turchia: sull’Autostrada Anatolica tra Istanbul e Ankara sono in via di ultimazione i Viadotti in acciaio corten

di Ing. Mario MANCINI – Astaldi SpA 27/06/2006 – In Turchia sull’Autostrada Anatolica tra Istanbul e Ankara l’ASTALDI sta completando i lavori per la consegna prevista per fine anno dell’ultimo lotto di 23 Km che collegherà le due città. In questo lotto il piano autostradale sale dalla piana di Duzce a 300 m di altitudine ai circa 800 dell’altopiano di Bolu con pendenze intorno al 6%, in cui il tracciato s’incunea in una difficile e…

Share
Leggi

IL CREDITO ALL’ESPORTAZIONE

di Ing. Mario MANCINI – Astaldi SpA 27/10/2005 –  Di questi tempi notevoli sono le difficoltà che un imprenditore deve affrontare per portare avanti lavori di costruzione d’opere e d’infrastrutture, sia in Italia, vista la situazione di cassa che trova anche l’ANAS nell’impossibilità di pagare lavori sulle grandi arterie come la Salerno-ReggioCalabria. I continui tagli ai finanziamenti hanno talmente ridimensionato le opere da eseguire che si è stati costretti a sospendere anche l’apertura delle buste…

Share
Leggi

UN VIADOTTO….UNICO

di Ing. Mario MANCINI – Astaldi SpA 18/10/2005 – Nel corso di questi ultimi anni abbiamo assistito sempre più frequentemente a disastri atmosferici di varia natura con gravi danni per le infrastrutture, ma soprattutto per le numerose perdite di vite umane.Anche in Turchia, dove lavoriamo da diversi anni, abbiamo avuto nel corso del 1999 l’esperienza di assistere impotenti allo scatenersi dell’immensa forza della natura con i due terremoti del 17.08 nella zona di Kocaeli (Izmit)…

Share
Leggi

TURCHIA – BOLU TUNNEL

di Ing. Mario MANCINI – Astaldi SpA   DOMENICA 4 SETTEMBRE 2005 Alla presenza del Primo Ministro Recep Tayyip Erdogan e dell’Ambasciatore italiano in Turchia Carlo Marsili, oltre numerose altre autorità locali e tutte le maestranze che hanno partecipato ai lavori di scavo, si è svolta la cerimonia per l’abbattimento dell’ultimo diaframma della seconda canna del Tunnel di Bolu, nella regione anatolica della Turchia, sulla costruenda autostrada tra Istanbul e Ankara.   La prima canna era…

Share
Leggi

L’ampliamento dell’Accademia di Belle Arti di Monaco

L’ampliamento dell’Accademia di Belle Arti di Monaco

  Un nuovo progetto degli architetti viennesi Coop Himme(l)blau permette di creare una serie di connessioni spaziali tra i luoghi della città e l’edificio. Il progetto di ampliamento dell’Accademia di Belle Arti di Monaco, costruita nel 1876, può essere anche inteso come un rinnovo concettuale. La disposizione degli edifici secondo uno schema «aperto» genera una sequenza di luoghi di transizione tra il parco e gli spazi urbani che tendono a riconnettersi naturalmente tra loro. Gli…

Share
Leggi

Lauree triennali in Ingegneria: esami di Stato, iscrizione all’Albo professionale, competenze alla luce del D.P.R. 328/01. Cosa cambia rispetto alle lauree quinquennali (V.O.) e alle lauree specialistiche (N.O.)

Lauree triennali in Ingegneria: esami di Stato, iscrizione all’Albo professionale, competenze alla luce del D.P.R. 328/01. Cosa cambia rispetto alle lauree quinquennali (V.O.) e alle lauree specialistiche (N.O.)

Si tenterà di definire alla luce del D.P.R. 328/01, (Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti- pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 190 del 17 agosto 2001), quali siano le competenze riservate a coloro che conseguiranno una laurea triennale in Ingegneria. Il riferimento al testo di legge è d’obbligo e si riporteranno stralci di esso cercando…

Share
Leggi

Le terrain vague

Le terrain vague

LE TERRAIN VAGUE  La fotografia interpreta il territorio a cura di Francesco Selicato. Ruvo di Puglia, Maggio 2000 Seminario/Workshop con Guido Guidi. OPAC, Catalogo del servizio bibliotecario nazionale. La pubblicazione, realizzata con il solo contributo del Politecnico di Bari, è da considerarsi come progetto studentesco ex-lege 390/91 ed è disponibile presso la Biblioteca della Facoltà di Ingegneria, Politecnico di Bari. Autori: Francesco Selicato, Carmelo Maria Torre, Pio Meledandri, Gianni Zanni, Antonio Nicoletti, Domenico Avena, Stefania Casalino, Sante…

Share
Leggi

Introduzione ai controlli non distruttivi

Introduzione ai controlli non distruttivi

di Dott. Ing. Emanuele RUGGERONE IL RUOLO DEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI Sotto la denominazione di controlli non distruttivi si raggruppa un insieme di esami che, compiuti su elementi di materiale (metallico e non), su intere strutture o su parti di esse, permettono di riscontrare e misurare difetti eventualmente presenti, di valutare la statica di strutture portanti (un solaio o una trave, ad esempio), di effettuare controlli su impianti, macchinari o mezzi di trasporto al fine…

Share
Leggi

Gli smorzatori a massa accordata (o TMD)

Ing. Giancarlo MIGLIORE – estructura.it – dicembre 2002   Uno dei problemi ricorrenti in ingegneria è rappresentato dalla necessità di controllare lo smorzamento dei sistemi. In un sistema meccanico o strutturale, lo smorzamento rappresenta la misura del grado di dissipazione di energia prodotta dal moto del sistema stesso. Il livello di smorzamento presente in un sistema è comunemente misurato come una percentuale dello smorzamento critico, cioè del livello in corrispondenza del quale il sistema tende…

Share
Leggi

UNA “COSA” MOLTO ANTICA

di Ted Bremner – University of New Brunswick, Canada Dai romani una lezione di civiltà: come re-impiegare scarti di altre lavorazioni per costruire opere durabili.  Cosa è una località sul Mar Tirreno in Toscana, in prossimità del Monte Argentario. Nell’antichità il suo porto, costruito dai Romani (Portus Cosanus), svolse un ruolo di grande importanza per l’attività della pesca in relazione all’allevamento realizzato nell’adiacente laguna naturale sulla quale sorge Orbetello.  Nell’area del porto di Cosa esistono…

Share
Leggi

Il degrado del cemento

Il degrado del cemento

Il danneggiamento delle opere cementizie rappresenta un inevitabile evento proprio della vita stessa di tutte le costruzioni. In particolare, la velocità con cui esso si verifica è la misura della durabilità dell’opera. Il degrado può manifestarsi per cause diverse:  degradazione propria del materiale;  degradazione per cause ambientali(effetti termici, idrometrici, di umidità …);  degradazione per fenomeni di fatica;  degradazione per inadeguate condizioni statiche. L’ultimo caso comprende tutti i danni che insorgono in assenza di condizioni statiche…

Share
Leggi

Il recupero della città antica, il caso di Bari

Il recupero della città antica, il caso di Bari

Il contesto della città antica presenta problematiche variegate e complesse in relazione alla popolazione, al patrimonio storico-architettonico, al contesto culturale quasi sempre caratterizzato da una precarietà oscillante tra le possibilità implicite che ne costituiscono l’assetto e la volontà quasi morbosa, che vorrebbe fare di ogni elemento un evento estetico. Ma la realtà di un centro storico potrebbe, e anzi forse dovrebbe, essere vista con maggiore obiettività, in particolare focalizzando l’attenzione su gli aspetti legati al…

Share
Leggi
1 22 23 24 25